Cosmotaxi
Cosmotaxi Muri urlanti  
     
Newsletter
Newsletter

Il doppio mento

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Giacomo Faiella  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Invia i tuoi commenti sull'intervento di Daria Galateria a bordo dell'enterprise.
I campi contrassegnati da * sono obbligatori.

 
Commenta
 

Come protezione contro l'invio di commenti da parte di spammer è attiva una procedura che prevede l'approvazione del commento.

La pubblicazione avverrà non appena sarà eseguita l'approvazione.

 
Il tuo nome *
 
Sito Web
 
E-mail *
 
desidero iscrivermi alla newsletter di adolgiso.it
 
Commento *
 
Codice sicurezza Ridigita codice sicurezza
 
Tutti i dati inviati non saranno resi pubblici e trattati in ottemperanza
alla legge 675/96 (tutela della privacy).
 

 

commenti

A proposito di mestieri praticati dagli scrittori vi sono grata della segnalazione di questo libro che non conoscevo e acquisterò quanto prima. Sono interessata infatti a quell'aspetto della vita degli autori letterari (ma anche di pittori, musicisti, etc,) che per necessità o vocazione si sono dati anche ad altri lavori oltre la scrittura. Penso alla medicina per Celine, ad esempio. Cari saluti. renata mayer

inviato da renata mayer
 

Vorrei rivolgere una domanda alla Sig.ra Galateria. Perché il cinema s'è interessato parecchio a Proust e il teatro (se non sbaglio), almeno in Italia, invece no? Non mi pare che esistano spettacoli mmorabili di grandi registi dedicati allo scrittore. E in Francia, accade lo stesso, sempre che io non sia in errore? Grazie. Rita D'Ambrosio

inviato da Rita D'Ambrosio
 

Bella intervista! Colloquio veloce ma denso fra i due. valerio

inviato da valerio
 

Anch'io vorrei fare una domanda all'intervistata. A proposito della memorialistica femminile. La Galateria riferisce che le donne nel settecento scrivevano di "bagattele". E' possibile scorgere in quelle "bagattelle" qualche forma di protofemminismo?

inviato da giorgia marini
 

La cosa che più mi piace di proust è che nei suoi libri, sostanzialmente, non c'è una trama bensì emozioni e immagini interiori di fronte a episodi talvolta minmi. Vorrei ricordare che giacomo debenedetti riflettendo su joyce e proust nota, forse per primo oppure tra i primi, "l’immaterialità degli elementi nel romanzo per via di quelle che lo scrittore irlandese chiama epifanie: un luogo, un modo, un oggetto, una materialità – anche insignificante nella vicenda – che viene astratta, tolta dalla realtà a valorizzata esclusivamente in riferimento al mondo interiore del personaggio". Grazie per l'ospitalità.

inviato da mario de santi
 

Capito su questo sito dopo avere letto di voi sul quotidiano "La Stampa" di settimanefa. Me ne segnai l'url e lo trovo estremamente interessante, vivace, capace di proporre cultura senza menarsela tanto, anzi giocandovi anche.ù Così si fa. Godot

inviato da Godot
 

Spero che un giorno le note della Galateria Sul Venerdì di Repubblica siano raccolte in volume. Sono straordinarie! walter di maio

inviato da walter di maio
 

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail