Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Fenomeno Ufo (1)  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Sigle intime

Le sigle dei programmi della Tv, pubblica e privata, spesso sono dei piccoli gioielli d'ideazione artistica e prodigi tecnici. Mica scherzo, proprio vero! Io ci vado matto per le sigle.
Ne ho fatte anche tante alla radio e pure in Tv.
Ci crediate o no, perfino carine…come?…dite di no?…e ti pareva!
E sempre i funzionari a chiedere ansiosamente: "Armà, hai fatto 'a sigla?…com'è venuta?…è venuta bene?…bella tosta?…è pronta?". Dei programmi se ne interessano - in proporzione al minutaggio - meno. Ma quando se ne interessano…beh, è peggio.
Alla radio si traffica ancora in modo casereccio ma in televisione da anni ci sono degli ottimi specialisti e degli artisti che ci lavorano, un nome per tutti: Mario Sasso.
La sigla: momento intimo ed eccitante che seduce lo spettatore attraendolo con sensuali promesse di godimenti frame to frame, adescandolo con elettroniche avances tese a farlo congiungere con un grosso contenitore o anche con una piccola trasmissione, perché, si sa: esistono programmi, e sigle, di secondo ciak, figli di uno share minore.
Ben altro discorso, invece, per i mesti programmi, pur così brillantemente introdotti.
Nella Famiglia Palinsesto, le figlie femmine - le sigle - son venute sù strafiche da far girare la testa, mentre certi loro fratelli - i programmi - eccoli lì malaticci, pallidi, smunti.
E teterrimi.
Spero in un tempo quando finalmente quelle sigle di testa e di coda saranno montate contigue omettendo il malinconico prodotto pensato per stare in mezzo a loro.
Quante sigle!…esistono, lo sapete no? perfino le intersigle!
Ma forse è giusto, anche la vita ha una sua sigla di testa (il vagito), ed una di coda (il rantolo).
E quello che sta in mezzo non sempre viene bene.
Ho visto però proprio malridotti certi funzionari siglaioli (molti di loro per darsi un tono si dicono producers) trascinarsi lungo i corridoi di Viale Mazzini (ma nelle altre tv mica scherzano) segnati dalla malattia: chi febbricitante per la siglite, chi sciancato dalla siglalgia, una pena, credetemi!
Se si va avanti così finirà che ai videocitofoni dovremo trasmettere gagliarde sigle prima e dopo la comparsa della nostra faccia sui monitorini, sennò là faranno zapping e verranno preferiti altri ospiti siglati meglio, e addio incontri di sesso o cene.
E poi quel lunghissimo aston su cui scorrono, con oscure dizioni, i nomi anche dei parenti di coloro che hanno fatto il programma...ma allora perché non inserire pure quelli dei telespettatori? In alcuni casi, visto l'esiguo numero, non si allungherebbe più di tanto il minutaggio.
Belle le sigle, ma signori programmisti, attenzione: di sigla si muore!

 

Archivio Newsletter

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail