Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Fenomeno Ufo (1)  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

I dolori del giovane autore

C'è una cosa che accomuna tanti artisti italiani? Musicisti, pittori, registi, scrittori, e via elencando?
Quest'angosciosa domanda mi sono posto in una notte illune…sì, illune…conoscete una notte migliore per porsi le domande angosciose?…no?…e allora!…Sì - mi sono detto - c'è quella cosa.
Sono seri, serissimi. E si prendono sul serio, sul serissimo, Mica scherzano. Procedono ispirati.
Perfino da giovani. Così giovani e già così seri!…E tanto ispirati!
Pittano, scrivono, suonano, già vedendo il proprio nome nelle teche che ospitano gli immortali.
E questa cosa s'avverte, si sente, schiaccia visitatori, lettori, spettatori sotto il peso di una solenne eternità.
Si ha la sensazione di trovarsi sempre di fronte ad un'Opera (…pfui!) e mai dinanzi ad un prodotto.
Di carpire da immeritevoli contemporanei qualcosa che è destinata ai posteri.
Del resto, intervistati dalla tv, dai giornali, quegli autori…pardon!…Autori, si lasciano andare a pensose quanto dolenti, ed ermetiche, dichiarazioni che francamente intimidiscono facendo calare sulle nostre mense un velo d'inconsolabile tristezza. Quasi a sentir parlare Buttiglion…no, eh?…avete ragione, quello lì non si riesce a battere, ma prima o poi qualcuno lo percuote.
Quando poi uno di loro si sforza di fare lo spiritoso, è quasi peggio, dentro quelle battute c'è l'allegria funesta della Carrà e delle barzellette raccontate da Berlusconi.
L'Arte come Gioco, non vi dice niente ragazzi? Sembrerebbe di no.
Forse pare a loro uno scadimento.
Eppure gente che gioca in serie A l'ha praticata, eccome!
Scelgo il campo musicale - da molti ritenuto, ingiustamente, uno dei più gravi - per citare qualche esempio: Mozart e il Divertimento "Ein musikalischer Spass", in cui alcuni strumenti stonano apposta; Haydn e la Sinfonia detta "degli addii" nella quale, alla fine, progressivamente gli strumentisti si alzano e se ne vanno volendo significare allo sponsor, il Principe Esterhazy, che negava loro le vacanze, ch'era venuta l'ora di concederle; Camille Saint-Saëns e il suo insieme di pezzi che intitolò "Carnevale degli animali" per prendere in giro suoi colleghi; Georg Philipp Telemann e le "Tafel-Musik", concepite per essere suonate durante i pasti di una famiglia patrizia di Amburgo: sono tra le sue cose oggi più celebri; per non dire degli scherzi da prete di Satie.
Sono solo alcuni episodi tra i tanti, cose fatte e dichiarate come occasioni passeggere, roba messa sù quasi di corsa. Ma ce ne sono di faccende simili nei secoli, in tutte le arti, a pacchi!
Esempi di un particolare approccio alla vita e al mestiere. Anche quest'ultimo, sì.
Quante grandi cose come quelle lì ci hanno allietati, in teatro, in letteratura…dalle improvvisazioni dei giullari agli scherzucci ragionati dell'Oulipo…gente che faceva prodotti e ha creato un'Opera!
E giocando giocando, venivano svolte operazioni critiche di politica, di linguistica, di costume.
Elogio del tempo andato? Macché! Mai lo faccio, mi fa schifo solo il pensarlo. Mi piace il futuro.
Difatti oggi trovo il Web a proporre quell'atteggiamento ispirato al dio sublime che è lo Spreco.
Sul Web, immateriale ma non volatile, si depositano ogni giorno parole, segni, piccoli eventi buttati lì come vuoti a perdere e che spesso riservano vispe sorprese.
E accadrà meglio domani. Domani è un altro giorno.
A proposito di domani, mi tocca andare ad una mostra d'uno della post-transavanguardia, leggere un romanzo della Tamaro, e vedere un film prodotto con l'ex articolo 28…che giornata!…sigh!…come?…il concerto di musica elettronica?…no, quello ho inventato una scusa e sono riuscito a scansarlo, almeno questo!
Che spinosa idea quella dell'Arte come cosa cogitabonda e difficile!
Ma l'Arte è facile, nun è difficile, si ha da succedere, succeddarrà.

 

Archivio Newsletter

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail