Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Fenomeno Ufo (1)  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Sostiene Adolgiso

Per cattiva sorte dei miei, sfortunati, spettatori, quest’estate l’ho trascorsa lavorando. Siete sfuggiti a quella sventura? Volete provarne l’emozione? Ne troverete particolareggiata notizia, entrando nella Sez. “Come al bar” di questo sito. Accomodatevi pure.
Ecco ora alcuni appunti che durante la piovosa estate ho raccolto qui e là.

Battuta profetica. Chi sostiene che le profezie non esistono, è un miscredente. Fuori diluvia e stasera lo spettacolo non si fa. Bevo una birra in albergo sfogliando un libro. Noto che è riportata una battuta da “Ecce Bombo” di Nanni Moretti, 1973. A pronunciarla, Michele Apicella il tradizionale personaggio di tanti film morettiani, il quale dice:
Michele - No veramente non...non mi va. Ho anche un mezzo appuntamento al bar con gli altri. Senti, ma che tipo di festa è? Non è che alle dieci state tutti a ballare i girotondi ed io sto buttato in un angolo...no. Ah no, se si balla non vengo (…) Vengo, ci vediamo là. No, non mi va, non vengo.
Oggi sappiamo che a quella festa ci è andato. Meglio così. Vi ho partecipato anch’io.

La magnolia è pure un fiore. Chi sostiene che Baldassarre – il Presidente della Rai, non quello dei Magi che incensava Gesù Bambino, questo incensa uno più cresciutello – non abbia un attimo di tempo ha ragione.
Pur intento a riscrivere la Storia per poi passarla a Minoli di Rai Educational affinché ne divulghi le opportune revisioni, ha deciso di trasferire parte delle produzioni (leggi: appalti) da Roma al Nord. Ma forse anche questo fa parte della riscrittura della Storia, almeno quella della Rai.
Ho lavorato in tutte le sedi Rai del nord, e so che lassù ci sono ottimi funzionari e tecnici, lo so meglio di Baldassarre e dei suoi consiglieri che di radiotelevisione nulla sanno com’è possibile verificare dai lori curricula e dalle castronerie che balbutiscono un giorno sì e l’altro pure.
Una buona scelta quindi? No, perché le produzioni non si realizzeranno in quelle sedi nordiche. Né, per motivi tecnici, è possibile. Lì finirà qualche contenitore minore per budget e orario di messa in onda. Le altre produzioni, quelle grosse, le beccheranno nuove ditte appaltatrici del nord…vuoi vedere appartenenti ad imprenditori celtici?…oppure case produttrici come la “Magnolia” di Giorgio Gori – ex di Canale 5, toh! – che già da qualche tempo opera felicemente nel settore.
S’è arrabbiato pure il Vaticano. Tante ditte romane a rischiare i contratti sono di osservanti fedeli.
Che fatica riscrivere la Storia! E d’estate poi!

Piange il telefono. Chi sostiene che il telefono sia la tua voce come diceva la pubblicità, limita le risorse di quel grande mezzo. Perché è anche il tuo colore. Telefono azzurro, rosa, blù, eccetera, secondo le esigenze di chi lo usa.
Don Fortunato Di Noto, tempo fa, intuita la cosa, battè tutti in fantasia cromatica e inventò “Telefono Arcobaleno”.
Linea destinata a combattere la pedofilia. Intenzione egregia, lodevolissima.
Sennonché Don Fortunato impegnò allora più tempo a lanciare oscure minacce ai politici al governo (allora l’Italia era sgovernata dal centro-sinistra) che non a servire la causa alla quale originariamente s’era votato. Ottenne grande notorietà, in ossequio al suo cognome. Perfino una Procura s’interessò all’Arcobaleno. Don Fortunato promise anche di rivelare nomi, ma poi mai li fece. Né, intervistato oggi, ancora li fa. E’ un sacerdote molto riservato.
Adesso è consulente del Ministro Gasparri al Ministero per le Comunicazioni.
Nascerà Telefono Nero?

 

Pio…pio..pio. Chi sostiene che Valentino Parlato sia astemio, è in errore.
Di Parlato – pur non condividendone le idee – stimo l’intelligenza politica ed il suo stile di scrittura. Dico sul serio. Perciò, lo confesso, quando sentivo dire da qualcuno che lui non amava il bicchiere, ai miei occhi perdeva punti e mi dispiaceva. Ora, però, ho la prova che a Parlato il bicchiere piace. La ricavo da un suo articolo su Padre Pio scritto su “Il Manifesto” dove afferma che la santificazione di Padre Pio (alias Forgione Francesco…come?...sì, è lo stesso al quale Mario Guarino ha dedicato il suo libro “Beato impostore”, Kaos Edizioni), è un evento culturale “…più importante dell’abbattimento del Muro di Berlino”, considerarlo “…un fenomeno di superficiale e vana superstizione sarebbe un grosso errore”.
Ecco, ora sono più tranquillo: a Parlato il bicchiere piace, eccome! Cin-cin!

Un uomo chiamato cavallo. Chi sostiene che sia stato scandaloso chiamare – com’è accaduto – un proprio figlio Varenne, si dia all’ippica. Non era peggio chiamarlo Silvio?

Uno sciopero di tanto tempo fa. Chi sostiene che gli scioperi della fame, della sete, del sesso (sì, pure quello…ricordate la Lisistrata di Aristofane? E la donna di “Chi non lavora” di Celentano?) siano devastanti mezzi di protesta, s’inganna.
N’esiste uno ben più antico e terribile: quello dell’intelligenza. Ne ha prodotto di cose!
Tra le ultime, per restare in casa nostra, i risultati elettorali più recenti…i guai della Fiorentina (sia la bistecca, sia la squadra)…ma non mancano altri casi. Eccone un paio.
I radicali, appreso che era stata ultimata la raccolta delle firme per dei referendum in materia sociale, fulminei, hanno costituito un “Comitato per il No”.
Altro esempio. Bertinotti, dopo avere a lungo adulato Cofferati, appena s’è reso conto che questi otteneva un notevole consenso tra le disperse forze di sinistra, ne ha preso le distanze.
Diavolo d’un uomo! Non perde un colpo! Però D’Alema l’ha preceduto opponendosi fin dal principio al cinese, avendo intuito per tempo quale pericolo rappresenti per gli attuali governanti.
I radicali…Bertinotti…Cecchi Gori…D’Alema…quanta gente in sciopero!

Ce ne sarebbero ancora di cose. Ma s’è fatto tardi. M’aspettano al bar.

 

Archivio Newsletter

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail