Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Fenomeno Ufo (1)  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Buio pesto a luci rosse

Ambo. I numeri che seguono non sono ispirati a un sogno ma alla realtà.
Giocateli su tutte le ruote d’Italia.
90: il numero dei parlamentari inquisiti.
40: il numero dei loro avvocati eletti alla Camera e al Senato.
Se non vincete, non prendetevela con me, vorrà dire che mentre mo’ state leggendo sono aumentati gli inquisiti, da amnistiare.
Bonne chance!

Anagrammi. Meritevole iniziativa de “La 7” che, unica tv in Italia, ha riferito sul convegno dei movimenti dedicando all’occasione una diretta da Firenze. Le altre Reti, pubbliche e private, hanno dimenticato di annunciare la notizia, limitandosi, successivamente, a qualche resoconto là algido, qui ironico, lì sussiegosamente indifferente.
Nel corso della trasmissione, dallo studio commentavano l’assemblea due tristanzuoli personaggi: Giuseppe Caldarola - direttore de “L’Unità” fino alla chiusura delle pubblicazioni (ma è incapace o jetta?) - e Renzo Foa condirettore di “Liberal” (per la serie: sono transfuga, ma tengo famiglia).
I due ne hanno dette di tutti i colori sui convegnisti trovandosi d’accordo sul fatto che quelli lì erano suppergiù dei mascalzoni.
Caldarola Giuseppe, s’è guadagnato la pagnotta di deputato dalemista accusando di malafede Pardi & C, ma non riuscendo a spiegare come mai il suo partito (DS) non sia riuscito a fare in cinque anni di governo una legge contro il conflitto d’interessi.
Povero Caldarola! Giustiziato da un anagramma del suo nome - per sagacia del lupo - che del personaggio svela le sue astuzie subdole. Ma, a differenza di ogni lupo che si rispetti, anche parecchio fesse.
Foa, quella sera, fingendosi politologo, tentava di tenere a bada la bestia che gli abbaiava nel petto; ad anagrammi non se la passa meglio: frena zoo.

Andar per tombe. Visita di Casini alla tomba di Craxi ad Hammamet.
La pietà per i defunti è un gesto apprezzabile, un po’ meno se a farlo a certi defunti è un alta carica dello Stato rendendo onore ad una persona condannata in modo definitivo dallo stesso Stato. Questo turismo funebre, per equità, dovrebbe essere praticato anche a beneficio di altri nostri connazionali condannati in contumacia e morti all’estero latitanti.
Il Ministero di Giustizia è pregato di fornire la lista a Casini per nuove luttuose gite.

 

Fantasie orali. Chissà chi fu il primo. Anni fa, un pubblicitario ideò come scena suggestiva di spot e cartelloni stradali qualcuna che succhiava maliziosamente non ricordo se un gelato o una caramella. L’avesse mai fatto! Da allora è stato imitato a tutto spiano ed oggi non c’è prodotto – anche non necessariamente alimentare – che non sia promosso affidandosi ad ammiccanti immagini di signore ingorde che assaporano allusivamente questo e quello.
Quando mi fanno quella cosa lì, ormai mi distraggo…penso a cucchiai di brodo…ai canditi della nonna…

 

Minority Report. Ebbene sì, sono d’accordo con la proposta dei Cc del Racis (Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche) i quali hanno proposto una banca dati nazionale del Dna che consentirebbe di ridurre la quota dei reati che rimangono oggi senza colpevoli. Tale archivio consentirebbe, infatti, di acciuffare per tempo i malfattori.
Penso, ad esempio, che questa misura, qualora fosse stata già attuata, avrebbe permesso d’identificare tempestivamente quei dirigenti della Rai che dopo avere brutalizzato le proprie reti in vicoli adiacenti al malfamato suburbio mediaset e massacrato Radio 3, settimane fa, col favore delle tenebre, hanno decapitato RaiLibro – ex RaiSatZoom – armati di una spada excaliburina.
RaiLibro: una delle poche cose di cui l’azienda Rai poteva ancora gloriarsi.

 

Zichi chi? Abbaglio o pressioni, sia come sia, il Presidente Ciampi c’è cascato: ha fatto Cavaliere del Lavoro Zichichi.
In un momento in cui più scienziati abbandonano l’Italia, Zichichi Antonino purtroppo resta fra noi perché non appartiene alla categoria (nonostante si sforzi di segnalarsi come iscritto alla stessa). Sono state per l’occasione pubblicate alcune righe – spesso poche e comprensibilmente imbarazzate – sul suo curriculum; se ne volete sapere di più, vi segnalo una esilarante nota di qualche tempo fa del grande Piergiorgio Odifreddi dove leggerete delle tante asinate di AZ, ragli che vanno appunto dalla A alla Zeta: http://www.vialattea.net/odifreddi/index.html.


Esco e chiudo. Se qualcuno mi cerca sto al bar..

 

Archivio Newsletter

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail