Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Gli special di Cosmotaxi  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Chi giace nella mia biro?

Ironici. L’ironia, diceva Ugo Ojetti, è la figlia del senno e della calma: le hanno ucciso padre e madre. Buona battuta, ma vuoi vedere che le cose non stanno così?
L’uso della parola “ironico”, riferita a questo e a quello oggi s’è infittito, scrivani e parlanti vi ricorrono con scriteriato accanimento.
Nelle cronache parlamentari, nei resoconti sportivi, nei dibattiti radiotelevisivi.
Ci troviamo così a navigare in un mare di ironici, dei quali non sospettavamo l’elevato numero.
Un tale offende il prossimo? C’è immediatamente chi lo definisce “ironico”.
Uno striscione allo stadio con parole bestiali? Subito c’è chi ipotizza che fosse soltanto “ironico”.
Un politico le spara grosse? Immediatamente da parecchi è definito un “ironico” (perfino Previti!).
Nei bugiardini – i quarti di copertina – tanti autori che scarabocchiano balordaggini sono definiti “ironici”.
Insospettabili critici letterari, cinematografici, teatrali, non esitano a chiamare “ironico” qualsivoglia bamba che s’esibisca su pagine, schermi e scene.
Possibile che una virtù tanto rara qual è l’ironia abbia aureolato di colpo tante teste di cazzo?
Non c’è malevolenza in me nel dire ciò. Quei pochi che mi conoscono lo sanno: io sono uno…ironico. Ma senza aureola…intesi eh?

 

Porta a porta. Tre gruppi mi perseguitano presentandosi – sempre in momenti fra i più inopportuni – alla mia porta. Testimoni di Geova, attivisti di Lotta Comunista e rappresentanti della Folletto.
In realtà non risparmiano gli altri condòmini, e questo mi fa piacere.
Venditori di religione, ideologia ed aspirapolvere hanno in comune l’accattivante sorriso, l’eloquio amichevole, il negare di volerti convincere. Vale a dire tre bugie una dopo l’altra.
I testimoni dell’aldilà sono deprimenti non solo per il messaggio che recano ma anche per come si vestono, sembrano usciti da un film neorealista. Ho visto un bambino dagli occhi malinconici insaccato in pantaloni lunghi, giacchetta abbottonata stretta e cravatta nera!
Glielo ho detto ai genitori predicatori: “Ma non v’accorgete del male che gli fate!”
Quelli della Folletto s’improfumano in modo disgustoso (sospetto Pino Silvestre Vidal), appestano!
Gli attivisti di Lotta Comunista sono più carini, spesso giovani universitarie minute, occhialetti alla Cavour, vocine educate e sottili, abitini anonimi…e come le volevi!...punk? dark? grunge?...sì, vabbè, avete ragione.
Porgono il loro giornale dalla grafica funerea che sembra il periodico delle Pompe Funebri Riunite su cui campeggia la scritta con caratteri da necrologio che afferma stentorea: “organo dei gruppi leninisti della sinistra proletaria”. Alla faccia del bicarbonato! direbbe Totò.
Lenin: l’inventore del gulag, ne propugnò la legittimità già in un discorso del 1912, sarà imitato anni dopo da un imbianchino coi baffetti a spazzolino che gli plagiò l’idea sfidando denunce della Siae.
Guardo quella faccina pulita che mi porge il giornale. Accenno a dire qualcosa ma quella attacca a pigolare un discorso prefabbricato prima che io sia arrivato a pronunciare 3 parole 3.
Per liberarmene le do un euro e prendo la copia operando nascostamente uno scongiuro.
La congedo. Aspetto visite. Mo’ verranno quelli di Geova e della Folletto.
Lo sento! Stanno arrivando!!

 

Umani sono. Più ci si scanna e più zompano fuori le parole esclamative “umano”, “disumano” (qualche buontempone parla anche di guerra “umanitaria”), insomma è tutto un correre a meravigliarsi delle crudeltà commesse dall’uomo, quasi fosse la prima volta che le combina oppure che “ai nostri giorni sia inconcepibile che…”.
Ma perché tanto stupore? Addolorarsi sì, manifestare per la pace anche, ma stupirsi no. Il farlo è da ingenui o da ipocriti.
Quasi che basti qualche dichiarazione, di ieri o dell’altro ieri, da parte di un Parlamento o di consessi internazionali, a smentire la natura umana. Oggi il sistema nervoso centrale di questa scimmia assassina è lo stesso che indossavano tanti nostri avi che per secoli si sono competentemente sgozzati fra loro, senza se e senza ma.
Sono cambiate solo le armi. Perché ne abbiamo inventate di più potenti. Si sa, l’umano s’ingegna.
A quando una manifestazione in cui dal palco venga solo letta l’ultima pagina de “La coscienza di Zeno”? Ne ricordo qualche passaggio ai più distratti: “Forse traverso una catastrofe inaudita prodotta dagli ordigni ritorneremo alla salute (…) Sotto la legge del possessore del maggior numero di ordigni prospereranno malattie e ammalati (…)…un uomo fatto come tutti gli altri inventerà un esplosivo incomparabile (…) Ed un altro uomo fatto anche lui come tutti gli altri, ma degli altri un po’ più ammalato, ruberà tale esplosivo e s’arrampicherà al centro della terra per porlo nel punto ove il suo effetto potrà essere il massimo (…) e la terra ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli priva di parassiti e di malattie”. 1923.
Nell’attesa esco e chiudo. Se qualcuno mi cerca sto al bar.

 

Archivio Newsletter

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail