Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Pignolerie  
     
Newsletter
Newsletter "Da Meno male che Silvio c a Meno Silvio che male c"  
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Danterandom
di Mauro Pedretti
 
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Fabio Cifariello Ciardi  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Cina senza enne

 

Questa sezione del sito Nybramedia fino al mese di  giugno ’19 ospitava ogni 30 giorni miei commenti sull’attualità artistica, sociale, politica.

Da ottobre del 2019 ha cambiato il suo formato.
Adesso riporta, infatti, frasi tratte dalla letteratura e dal giornalismo, battute cinematografiche e teatrali, scritte sui muri o su volantini oppure trovate sul web.
Cose cui mi hanno fatto pensare gli avvenimenti del mese, oppure venute alla mente da ricordi lontani.
Tutti gli scritti, però, saranno ispirati alla dea chiamata Brevità.
Perché questo cambio di rotta rispetto alle passate edizioni che vanno avanti dal febbraio 2000?
Sono in tanti a scrivere e commentare i fatti correnti.
Aggiungere anche mie parole? Sono proprio necessarie? Non credo
È stato detto che la carta è stanca. Ma anche altri supporti.
Non voglio, almeno qui, aggiungere nuovi sfinimenti a quella tombale spossatezza.

 

 

 

 

 

 

Sono in tanti, capitanati da Vittorio Sgarbi (qui il suo curriculum giudiziario), corsi ad azzannare le caviglie di Conte che in una conferenza stampa ha ricordato “gli artisti che ci fanno tanto divertire” (“e appassionano”, ma queste due paroline sono state omesse dai fieri assalitori).
Autori di tediose pagine o interpreti di sciape esibizioni si sono sentiti offesi! Loro mica stanno lì a far ridere! Sono lavoratori. Impegnati. Serissimi. Mica sono come Rabelais o Cervantes, Goldoni o Molière, Buster Keaton e Totò, Altan o Schulz né rifilano certi scherzucci come Mozart o Rossini…

 

 

 

 

Dai Tg del 6 marzo 2020.
«Ho parlato con molta gente e ritengo che il numero sia molto al di sotto dell’1%. Molte persone che contrarranno il virus si riprenderanno rapidamente, senza neanche il medico».
Donald Trump, Presidente degli Stati Uniti.

 

 

 

 

Dai Tg del 23 maggio.
“Gli Stati Uniti sono il paese con il più alto numero di decessi (94.729) e di casi (1,57 milioni).
I disoccupati, causa epidemia, sono ad oggi 38.000.000

 

 

 

 

La dirigenza cinese ha ammesso di avere sottostimato il numero registrato dei morti da Coronavirus.
Hanno pure incarcerato quel loro medico che aveva per tempo avvisato del pericolo esistente.
In tutte le dittature è proibito dare allarmi.
Ma anche in paesi apparentemente democratici, ma sostanzialmente autoritari.
Trump ha impegnato tutte le forze possibili (in prima linea i servizi segreti, ma segreti mica tanto) per scaricare sulla Cina ogni colpa onde trarne benefici elettorali.
Del resto, se togli una “enne” alla Cina la soluzione è una soltanto…
Poi (sfidando di subire quello che in Italia è il TSO, Trattamento Sanitario Obbligatorio), giorni fa ha detto: “Il fatto che gli Usa abbiano il più alto numero di casi di coronavirus nel mondo lo considero, in un certo senso, una buona cosa perché significa che i nostri test sono i migliori. Quindi lo vedo come un distintivo d'onore". 

 

 

 

 
Non è vero che il governo della Lombardia sia stato assente in molte parti della Regione.
Dovunque c’era il Coronavirus, c’erano funzionari di Fontana e Gallera.
Solo in 3 casi non è riuscita ad essere presente: a Blello, Magasa, Albaredo.
Sono le sole tre località che in Lombardia si sono salvate dal Cofid-19.

 

 

 

 

Fontana. Fotografia di Stieglits su “The Blind Man”.
Vedi Qui

 

 


 

“Modelli di stile: l’imprecazione, il telegramma, l’epitaffio”.
Emil Cioran (1911–1995) da "Squartamento", Adelphi

 

 

 

 

“Adrenalina.
Udì lo sparo. Era in piena vista. D’istinto si buttò in avanti. Una frazione di secondo. Poi il nulla.
Non un suono, niente negli occhi, buio nel cervello.
Sul traguardo il cronometro segnò 9:86“.
Da “Fisica quantistica della vita quotidiana” 101 microromanzi  di Piergiorgio Paterlini, Einaudi

 

 


 

“I soli stanno soli e fanno luce”.
Verso di Sebastiano Vassalli scritto sulla sua porta di casa.

 

 

 

 

Prostitute o Sex Workers?
“Senza la lingua nazionale anche la nazione perde i connotati”, Antonio Gramsci (1891 – 1937)
QUI e poi ancora CLIC

 

 

 

 

Su Micro Omega Carlo Cornaglia
Compone bei versi da Canaglia
Clicca qui!

 

 

 

 

 

Esco e chiudo. Se qualcuno mi cerca sto al bar .

   

      


Archivio Newsletter

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Spacenews
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail
Nybramedia