In questo numero
a bordo Micromega  
     
COmmenta Commenta l'intervento
di Paolo Pietrangeli
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Vivere insieme (1)  
     
Newsletter
Newsletter

Sigh Heil

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Storia d’O  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar KOO – Koop Oscar Orchestra  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L'ospite accanto a me è Paolo Pietrangeli. Cantautore e regista. Figlio d'arte (il padre è il cineasta Antonio), laureato in filosofia; all'origine il suo nome è legato a "Contessa", da considerare come la colonna sonora che accompagnò la contestazione studentesca. Ha detto di recente: "Tutti mi attribuiscono canzoni politiche, ma io credo di aver scritto sempre e solo brani su persone o fatti che mi stavano a cuore". Per notizie sulla sua discografia dal '68 ad oggi, cliccate su: http://www.delrock.it e anche:
http://digilander.iol.it/gianni61dgl/paolopietrangeli.htm .
I suoi brani, di ieri e di oggi, mi piacciono molto e molto stimo la sua filmografia che va da "Bianco e Nero" del '75 a "Porci con le ali" del '77, a "I giorni cantati" del '79.
Da sempre attento lettore dell'attualità, l'interpreta con vivace intelligenza critica e stile al tempo stesso arguto ed epico.
La sua più recente prova è "Genova per noi", un video girato in occasione del G8, montando, magistralmente (tengo a dirlo), materiali provenienti anche da altri cineasti impegnati a ritrarre i fatti acconci e sconci lì avvenuti. Si tratta di una parte del girato dai registi del gruppo "Cinema Italiano a Genova" (http://www.activitaly.com).
Il film di Paolo, è un documento storico di sconcertante crudezza, senza commento di speaker, tutto affidato alle immagini e ai suoni di quei giorni; la sua forza è tale che è riuscito a mettere insieme, per la prima volta, le principali testate giornalistiche della sinistra: "Carta", "Il Manifesto", "Liberazione", "L'Unità" che, smessi temporaneamente i litigi, lo vendono infatti associato alle loro pagine. Acquistatelo, non solo per dare un contributo al Social Forum al quale è destinato l'incasso, ma anche perché vi ritroverete in casa un prodotto filmico di grande qualità.
In una pausa di lavorazione del "Maurizio Costanzo Show" di cui è regista da anni, ha montato dei razzi spaziali alle due ruote su cui di solito viaggia ed è salito fino a questa taverna nello Spazio.

 

Benvenuto a bordo, Paolo…
Ciao
Voglio farti assaggiare questo Sangiovese dei Poderi Dal Nespoli…qua il bicchiere…ecco fatto.
Adesso ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero "è un bel manico", però noi nello spazio stiamo, schizziamo "a manetta", prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra il tuo ritratto…
Caro Armando, ho i propulsori un po' scarichi e temo che anche il teletrasporto funzioni male…
…qui c'è un'ottima officina, faremo riparare tutto, fìdati.
E va bene. Proviamo.
Hai scritto: "Scrivere canzoni aggreganti, oggi, è impossibile. Molto meglio scegliere frammenti di realtà, come per metterli sotto la lente del microscopio. E' un gioco che ti permette di capire dove va il mondo". Servono, poi, a contrastare o favorire i traguardi del mondo, o sono solo canzonette?
Non sono mai state solo canzonette. Non servono, sono.
Ad un quarto di secolo dal primo urlo anarchico dei Sex Pistols e dall'esplosione del punk e della sua eco anche in altri campi espressivi, ne rintracci segni nel panorama musicale di adesso?
Segni?…In tutti quelli, e ce ne sono, che considerano la musica un fine non un mezzo, e che compongono, suonano o cantano perché hanno l'urgenza di farlo.
Il grande chitarrista maliano Farka Touré, ha definito la world music "un calderone che omologa e non favorisce un nuovo umanesimo multietnico". Tu come la pensi?
Che nel calderone spesso si cucinano piatti prelibati.
Parliamo di cinema. Che cos'è secondo te che dovrebbe distinguere il traguardo espressivo del cinema dalle altre forme di comunicazione artistica, oggi?
Non so quale sia il percorso della tappa di oggi, figuriamoci se conosco il traguardo, ma non so se sia giusto oggi dividere il Cinema dal resto o se non sia meglio cercare di mettere un po' più tutto insieme…E poi, Star Trek è cinema o televisione?
Che cosa ha significato per te l'esperienza di "Genova per noi"?
Un modo di raccontare il Movimento con alcuni dei suoi criteri: fuori dal mercato quindi, e come coaugulo di materiali girati da tante persone.
Al di là di ottuse scelte della nostra distribuzione, non è solo questa la causa dei rari successi dei nostri nuovi registi di cinema. Chi li accusa di autoreferenzialità, chi di scarso mestiere…
Tu che mi dici?
Devastati da un ceto imprenditoriale inesistente o di rapina, sempre necessariamente alla ricerca del FILM, tutto maiuscolo, che ti faccia "svoltare", non si arriva da nessuna parte, o da qualche parte da cui è difficile ripartire. Circa il mestiere…dipende anche dalla possibilità di potere sbagliare, di potere lavorare ancora e con tempi che non siano le quattro o cinque settimane di riprese. Per curiosità andrebbe fatto il conto delle settimane di lavorazione dei capolavori del cinema italiano del passato.
I "corti" sono arrivati in distribuzione nelle grandi sale. Ne sono contento. Mi pare però che spesso si tratti di lungometraggi costretti in un minutaggio contratto. Sono pochissimi quelli che usano quel genere per sperimentarne un autonomo linguaggio, o sbaglio?
E se per caso ci avessi preso - cosa che accade di rado - qual è il motivo di quell'esito incerto?
Sì, stavolta ci hai preso. Sono d'accordo con te, credo che valga lo stesso discorso sul fine, sul mezzo e sull'urgenza fatto per la musica: non si può scrivere un sonetto pensando di scrivere un romanzo, e non è detto che bravi scrittori di romanzi sappiano scrivere sonetti e viceversa.
Da anni sei anche regista televisivo. Secondo te, la tv generalista ha i minuti o i secoli contati?
I secoli contati. Purtroppo.
A tutti gli ospiti di questa taverna spaziale, prima di lasciarci, chiedo una riflessione su Star Trek… che cosa rappresenta quel videomito nel nostro immaginario?
Un esempio di coniugazione di qualità di pensiero e quantità dei fruitori, l'importanza delle chiavi di lettura e una speranza per cui non "si può mai dire..."
Siamo quasi arrivati a Petra degli Angeli, pianeta di celluloide abitato da alieni che vivono in bianco e nero, mettono ali ai porci e cantano i giorni…se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l'intervista, anche perché è finita la bottiglia di Sangiovese dei Poderi Dal Nespoli Però torna a trovarmi, io qua sto…
Ma io non voglio scendere dalla mia Enterprise, né voglio prenotare la fermata!
Vabbè, allora resta qui. Ne ho gran piacere. Lunga vita e prosperità!

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuto.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Paolo Pietrangeli

 

commenti presenti

Bella conversazione: rapida, intelligente, domande giuste e risposte senza tirarsela come fanno tanti. Bravi! fiorenza mari

inviato da fiorenza mari
 

Paolo Pietrangeli... non l'ho mai conosciuto di persona, ma le sue canzoni... quanti ricordi! Pietro Giustolisi

inviato da Pietro Giustolisi
 

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Musica

 

Altera
Ernesto Assante
Mario Bortolotto
Alvin Curran
Franco Fabbri
Riccardo Giagni
Roberto Laneri
Giovanna Marini
Sergio Messina
Paolo Modugno
Montefiori Cocktail
Paolo Pietrangeli
Righeira
Oderso Rubini
Gianfranco Salvatore
Pino Saulo
Luca Spagnoletti
Alvise Vidolin
Guido Zaccagnini

Archivio completo