Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Gli special di Cosmotaxi  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Se ti piglio se t'acchiappo

Inshallah. Una raffinata scrittrice che ho la fortuna di conoscere, ha inviato una e-mail nella quale, in modo garbato ma vigoroso, mi rimprovera quanto ho scritto nella trascorsa newsletter - Pinocchio dixit - a proposito della condizione, a mio avviso sciaguratissima, delle donne nei paesi musulmani. In breve, avrei la colpa di “trattare in modo sbrigativo l’elevata spiritualità di quella religione che, più ancora della cristiana ed ebraica, ha grande considerazione della donna”.
Sarà.
Ritengo che nessuna delle religioni abramiche eccella in materia, quella musulmana, però, ancora ai nostri giorni, esprime con delizioso accanimento sanguinario tutta la sessuofobia di cui è capace, mentre le altre due fedi, pur ben disposte agli ammazzamenti, come hanno valorosamente dimostrato nei secoli, sono costrette, oggi, a mordersi la lingua e fingersi morbide.
Due notiziole sul tema donne-islam.
1) Leggo che l’entrata in scena delle donne kamikaze è stata una conquista laica. Laica?...ma…in che senso scusi? Magdi Allam in un suo articolo ne fornisce la spiegazione. E apprendo che i più tosti integralisti islamici sono contrari al coinvolgimento delle donne nelle operazioni di martirio perché “l’esplosione del corpo femminile rischia di scoprire e di mostrare pubblicamente le parti intime, atto assolutamente riprovevole secondo la loro interpretazione dell’Islam, soprattutto se a guardare il sesso delle martiri non siano dei parenti stretti con cui per legge non avrebbero (provvidenziale soccorso qui del condizionale, aggiungo io) potuto intrattenere dei rapporti intimi”. Capito, neh? Che ce l’avessero con le sexy bomb, lo sapevo, ma fino a questo punto non c’ero arrivato. Se queste sono le “conquiste laiche” di quell’ambientino…aiuto!
2) Il 5 novembre il sito internet Womeniniran ha dato notizia di una donna sfuggita alla
morte per lapidazione essendo riuscita a disseppellirsi dalla fossa nella quale era stata interrata a Yadz, citta' del centro dell'Iran. Secondo la legge islamica, i condannati che riescono a dissotterrarsi hanno salva la vita. Le donne giornaliste di Womeniniran ricordano che “gli uomini vengono seppelliti fino a sopra le anche, le donne fin sopra il petto”. Capito, neh? Evidentemente il boia musulmano con loro si cautela e vuole andare sul sicuro. Anche se stavolta con l’atletica signora gli è andata buca…no!...meglio evitare questa espressione vista la modalità di quella esecuzione, diciamo: gli è andata male.
Eh sì, lo diceva anche Lorenzo Da Ponte: donne mie la fate a tanti.

 

Pinocchio, attento! Devo al brillante sito http://amipalazzi.ifrance.com/amipalazzi/ di Francesca Russo la notizia che il Prof. Dott Shaykh Maulana Abdul Hadi Palazzi, direttore dell'Istituto Culturale della Comunità Islamica Italiana nonché segretario generale dell'Associazione Musulmani Italiani, ha maledetto i girotondini additandoli al disprezzo dei correligionari. Nella lista di coloro da perseguitare spicca quello di Roberto Benigni. L’italico Imam proviene da esperienze politiche multicolor con prevalenza del nero. Ora, illuminato dalla lettura del Corano e del quotidiano “Libero” (da dove dice di aver tratto i nomi dei reprobi) lancia la sua Fatwa che colpisce anche l’interprete di Pinocchio. In armonia col testo collodiano, ne suggerisco il nome: la Fatwa turchina.

 

Radio days. Da tempo compaiono proteste sulla stampa per come è stata sfigurata Radio Tre. Altre voci sul tema le trovate pure sul web, ad esempio sul sito www.cosapensi.com.
Tra gli effetti prodotti dalla comica direzione di questa Rete, trasformata in un’involontaria gag (Radio Due, è già stata fatta compententemente a pezzi negli anni scorsi), c’è anche quello di far diventare la precedente amministrazione un luminoso modello di comunicazione e di efficacia gestionale, cosa lontana dal vero. Ma tant’è, rispetto a come è stata ridotta Radio Tre da qualche mese, la signora che prima la guidava appare degna di due Nobel: in Scienza del Palinsesto e Management, mica scherzo!
Spero che l’attuale Direttore abbia tempo (lo immagino molto occupato nell’impegnativa, diuturna lettura di “Tutto uncinetto”) d’ascoltare un mio consiglio: “Chiuda Fahrenheit. Stona nel contesto della programmazione messa su da Lei in questi ultimi tempi e ben assecondata dai nuovi spassosi conduttori. Lo so che la trasmissione l’ha ereditata, che ne ha già ridotto lo spazio, che più d’uno mi ha anticipato – dall’alto e, soprattutto, dal basso – nel darle lo stesso mio parere, ma non si scordi d’eliminarla del tutto, darà così un ulteriore, ultimo, tocco all’originale disegno editoriale intrapreso”. Coraggio Direttore, ancora uno sforzo! Poi la lasceremo tranquillo, e potrà tornare alle sue pensose letture sul punto a croce.

 

Archivio Newsletter

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail