Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Gli special di Cosmotaxi  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Buon danno nuovo

Capricci celesti. “Il Natale ci ricorda che Dio vuole abitare in mezzo a noi”. Così il Papa, domenica 15-12-’02, dopo l’Angelus, ha rilanciato la campagna per la costruzione di nuove chiese. Già, perché a Roma le chiese cattoliche sono pochine mentre l’edilizia popolare sforna centinaia di appartamenti al giorno…non lo sapevate?!...ah, ma siete proprio dei disinformati!
Il Pontefice appena qualche giorno prima aveva annunciato la “scomparsa di Dio che disgustato della presente epoca s’è nascosto nei cieli”. Come mai a poche ore di distanza da tale severa decisione ha deciso di “abitare in mezzo a noi”?
E di volerci stare pure comodo facendo costruire nuovi appartamenti tutti per sé? Volubile proprio. E il Papa, poverino, costretto a correre dietro a quei celesti capricci!

 

Eiar = E’ Rai.
1) Leggo su di un giornalino funereo (per stile grafico e contenuti) di ex dipendenti e pensionati Rai che una loro battaglia è stata vinta. Quale? Quella di fare intitolare una strada di Roma a Raoul Chiodelli, direttore dell’Eiar dagli anni trenta fino al ’43. Cioè ad uno dei rappresentanti di spicco del fascismo, uomo che eseguì le direttive del Regime guidando la disinformazione di quegli anni, curando il culto della personalità di Mussolini, indottrinando gli italiani, firmando accordi con il ministro nazista della propaganda Goebbels, incoraggiando con trasmissioni ad hoc le persecuzioni razziali, e via fetenteggiando. Fin qui niente di strano visto in quali anni viviamo, ma la nota alquanto singolare – ammesso che sia tale – è che alla (mesta) cerimonia d’inaugurazione della nuova tabella stradale, abbiano presenziato il sindaco Walter Veltroni e l’assessore alla cultura (s ed a minuscole, vista l’occasione, sono d’obbligo), conferendo così all’avvenimento particolare solennità e partecipata adesione.
Lo ammetto: col mio voto ho concorso ad eleggere quei due. Ma, ve lo giuro, non lo farò più.

2) In un suo “Bonsai” su Repubblica, Sebastiano Messina ha diligentemente annotato alcune frasi usate in un comunicato dal Presidente della Rai circa le dimissioni di alcuni consiglieri del CdA.
A chi fosse sfuggita la preziosa rubrica che le riporta, da lì estraggo le definizioni usate da Baldassarre per dire dimissioni. Sono dette: atti volitivi di rinunzia alla carica, e più avanti atti negoziali unilaterali che restano al di fuori della previsione normativa e rifluiscono nell’ambito del diritto privato comune, poi, per meglio chiarire, concludendo, le precisa come atti unilaterali recettizi che non abbisognano di accettazione alcuna ma semmai possono essere revocati solo in forma negoziata.
L’uomo che così scrive è stato messo dal Polo a capo di un’azienda di comunicazione…tra i vari modi di favorire Mediaset, con le nomine fatte alle reti radiofoniche e tv, questo è il più acuto, ma anche il più sleale.

3) A proposito di Rai, un lettore di queste mie newsletters con una “fake mail” (nel gergo del web sta per dire suppergiù anonima), m’invita a frenare gli “aspri giudizi” su Radio Tre palesati nella trascorso pezzo Se ti piglio, se t’achiappo, perché, a suo dire, la nuova dirigenza di quella Rete “si sta sforzando di perfezionare il nuovo progetto editoriale ideato”. Ancora una volta ci soccorre Petrolini che diceva: C’è sempre un idiota che l’inventa e un cretino che la perfeziona.

 

Passi perduti. Se a molti lungometraggi di giovani registi italiani fossero tagliate le sequenze dedicate alle camminate fatte dai protagonisti delle storie, quei film diventerebbero dei corti se non addirittura dei videoclip; in molti casi, forse giovandosene.
Chissà perché sul più bello gli attori prendono a passeggiare muti, a testa china, prevalentemente inquadrati di spalle, e attraversano di seguito vie, piazze, stradoni, angiporti, lungolaghi, vicoli, salite, discese, larghi, campielli, viali…luoghi quasi sempre deserti anche se è mezzogiorno…con un inevitabile commento musicale di note meste per strumento a fiato. Passeggiate lunghissime, tanto che puoi uscire dalla sala, comprare i pop-corn e poi tornare a sederti senza che ti sia perso una battuta, tanto quelli lì sullo schermo li ritrovi che camminano ancora inesausti.
A quell’andare è affidato qualche significato che evidentemente mi sfugge.
Mi piacerebbe montare di seguito in una sola, eterna, pellicola tutte quelle scarpinate, forse capiremmo meglio il profondo segno che esprimono quegli afflitti marciatori, oppure scopriremmo inedite interiorità del podismo.

 

Archivio Newsletter

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail