In questo numero
COmmenta Commenta l'intervento
di Luca Sossella
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Gli special di Cosmotaxi  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L'ospite accanto a me è Luca Sossella. Editore dell'omonima casa editrice. Lo ospito volentieri in questa taverna spaziale perché è riuscito a costruire un piano editoriale tra i più vivaci fra quelli nati in questi ultimi tempi in Italia. Vale la pena cliccare su http://www.lucasossella.it/ perché lì troverete titoli ed autori che spaziando dal saggio linguistico a quello politico, dalla riflessione sull'estetica dei nuovi media all'indagine sull'universo della comunicazione elettronica, si fanno portatori di un progetto teso a cogliere i nessi fra la nuova coscienza delle arti e gli emergenti saperi informativi.
Accanto a collane con guida redazionale come Test, Numerus, Plurale Immaginario, ecco Cosmopoli diretta da Alberto Abruzzese, ET affidata a Franco Berardi cioè Bifo, Audiobox pilotata da Pinotto Fava e Gabriele Frasca.

 

Benvenuto a bordo, Luca.
Armando, prima della partenza, verso nessun-dove, una preghiera rivolta ai terrestri:
" Se non dovessi tornare, sappiate che non sono mai partito.
Il mio viaggiare è stato tutto un restare qua, dove non fui mai."
Voglio farti assaggiare questo bianco frizzante Ortrugo Doc Colli Piacentini di Torre Fornello.qua il bicchiere.ecco fatto.
nel vino c'è scienza c'è illuminazione...
Sono d'accordo. Adesso ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero "è un bel manico", però noi nello spazio stiamo, schizziamo "a manetta", prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra, come sempre chiedo iniziando la conversazione con i miei ospiti, il tuo ritratto. interiore.insomma, chi è Luca secondo Luca.
Dire "io è un altro", è banale vero? Posso dire, però, dell'intrapresa, bene: vorrei sempre "separare" lo stato del mondo dal mondo del mio stato, non sempre ci riesco purtroppo, ma mi illudo sia l'unico superamento possibile.
Mi piacerebbe averli scritti quei due versi, invece li ho letti, sono di Giorgio Caproni, anche quella sul vino è sua. come dire? Mi "mancano".
E cominciamo bene se cominciamo con una mancanza, cioè con un desiderio.
Credimi, è un felice avvio.
Quando è nata la Casa Editrice? E qual è suo obiettivo espressivo e di mercato?
E' presente in libreria dall'estate del 2000.
Abbiamo pubblicato trentotto libri. Entro dicembre 2002 pubblicheremo altre dodici novità. Cinquanta titoli, in due anni lo 0,1 per cento della produzione annuale italiana.
Siamo insignificanti a ben vedere, se guardiamo il bilancio economico-finanziario, ma siccome siamo un'impresa della conoscenza, il bilancio che conta è quello intellettivo. Sei collane: la prima, Cosmopoli, diretta da Alberto Abruzzese, riguarda la teoria della comunicazione e il rapporto tra media e società. E poi saggi che indagano il paesaggio del pensiero con una connessione alle scienze di confine: Et è il nome e il significato della collana, ed è coordinata da Bifo, un fratello maggiore in lingua minore. E ancora, Test e Numerus, ricerche e analisi rivolte a un pubblico universitario e ai comunicatori, voci che si propongono di indagare i più sottili meccanismi mediatici.
Infine, la più importante, Plurale immaginario: le grandi testimonianze del nostro tempo che molto hanno operato per tramandare la poesia: come nel caso dell' Antologia personale di Vittorio Gassman, un libro più quattro ore in cd audio sulla poesia italiana dell' Ottocento e Novecento con musiche di Nicola Piovani.
E un cd rom Giacomo Leopardi e la stagione di Silvia e il cd Elettra operapoesia, che Balestrini ha registrato a Tokyo l'anno scorso. E ora Plurale immaginario ha un figlio Audiobox con due padri, Pinotto Fava e Gabriele Frasca, e una lingua madre, la voce. La voce, che è come dire dio.
Nel tuo programma editoriale leggo che l'Editrice vuole: ".essere per le istituzioni pubbliche, e per l'ambiente di rete, una realtà operativa con la quale confrontarsi e a cui professionalmente affidarsi. Essere per le aziende un partner privilegiato in grado di contribuire alla visibilità d'ogni iniziativa". Come, in pratica, realizzi questi obiettivi?
Innanzi tutto offrendo una consulenza globale su tutte le problematiche connesse alla comunicazione, dall'elaborazione di una strategia fino alla stesura di un piano d'intervento. E poi creando un luogo (ogni volta nuovo) di ricerca e realizzazione, un ambiente per comunicare, un laboratorio che utilizzi le risorse in rete per la progettazione.
Armando, si sa, il futuro ha una memoria profonda, ma non è più quello di una volta, guarda il nostro spazio da qui http://www.mediaevo.com/ la biblioteca del tempo, Tempòs http://www.mediaevo.com/tempos/Welcome.html
Mediaevo è un gruppo di persone molto diverse... quando hai tempo guarda http://www.mediaevo.com/link/Welcome.html ed entra in Genealogia
Lo farò. Proprio in questi giorni di novembre 2002 esce in libreria un CD nella tua collana Audiobox diretta da un narratore e poeta di valore qual è Gabriele Frasca, e da uno studioso dei mezzi di comunicazione, e celebrato operatore, qual è Pinotto Fava. Che cosa ti ha spinto a varare questa collana e quali traguardi ti proponi con essa?
Semplice, fratello, traghettare la poesia nel terzo millennio.
Il 19 aprile 1999 iniziammo con Vittorio Gassman la registrazione delle voci. Avevamo già scelto e ricomposto in un collage i testi di alcuni poeti dell'Ottocento e del Novecento. Ora dobbiamo togliere, diceva Vittorio. Levare. Via. Dovrà essere un'opera lieve. Non è un'antologia. È una nuova poesia lunga due secoli.
Scherzando allora, imitandolo, ma la voce mi tremava, gli recitai, si fa per dire, l'epigramma di Marziale:

I versi che declami sono miei
Fidentino: ma se li dici male
ecco, diventano tuoi.
" Ma se li dico bene, cazzo, diventano miei", concluse Vittorio.
Capisci Armando cosa voglio dire? Non voglio dire la poesia della voce, quella lasciala al teatro della barzelletta, io dico "la voce è poesia".
Certo, non basta dire poesia per trovare la voce.
Mi manca molto Vittorio, senza di lui sono, ma progetto la mia assenza, il mio voler sparire, mi ricordo ancora, alla fine della registrazione gli dissi: "Questo era un mio sogno. E si è realizzato."
Dicono male che il tal desiderio è stato soddisfatto. Non si soddisfano i desideri, conseguito che ne abbiano l'oggetto, ma si spengono, cioè si perdono ed abbandonano per la certezza acquistata di non poterli mai soddisfare.
- Leopardi? dissi.
- Bravo, Leopardi, sí.
Era l'ultima volta che vedevo Vittorio.
Avvertii in quel momento il senso dell'eredità nel contenuto di quell'antologia, il lascito di un mandato, l'ho già detto molte volte: la voce che testimoniava la passione di traghettare la poesia, come una cura, per i lettori a venire.
Quale metodo usi per selezionare le proposte che t'arrivano?
Spesso il mio stato di depressione è provocato dalla seduzione di un testo, quando arriva inaspettato, e poi quello stato viene interrotto dalla deduzione di sentirmi esonerato dalla selezione di quanto arriva inatteso, che spesso trovo offensivo.
Siamo estremamente disponibili a trovare (ascoltare) ciò che non si stava cercando, siamo rabdomanti (o vorremmo esserlo) come quello che diceva: io non cerco trovo!
In verità, Armando, lo sai, i libri si edificano, è un'illusione che "arrivino", tutt'al più t'arriva un' idea, un progetto o una volontà di riunire un percorso o una domanda comune. Molteplici sono i motivi per cui si decide di "fare quel libro".
Definire un "ambiente". Determinare il profilo della casa editrice, stabilire un'alleanza, chiarire un rapporto, assumere un atteggiamento, condividere una tesi, argomentare un'idea, rompere i testimoni a qualcuno, proporre un dispositivo per fare denaro... ma, questo io sovente lo dimentico, non me ne vanto, sia chiaro, mi sento anzi umiliato dall'essere povero.
Gli è che mi sento in credito con la società. E in colpa per i miei privilegi quando vedo attorno a me tanti disadattati proprietari del loro indoloroso destino di anestetizzati. Io ho il privilegio di sentire il dolore, quindi posso permettermi il lusso della povertà. "La vita richiede utilità" - diceva Blumenberg - "però concede ai suoi favoriti l'esperienza della libertà dallo scopo. E' da qui che nasce ogni civiltà".
La maggiore colpa dell'editoria italiana, se ne vedi una, s'intende.
Abitare l'abitudine, questo è il crimine. Una premessa per innovare i contenuti, probabilmente, è rompere gli automatismi quotidiani di cui siamo schiavi.
Uscire dal proprio destino, questo deve essere il progetto.
Distruggere nella pratica e nelle intenzioni il quadro della politica editoriale
che è addirittura scontato ritenere ridicola e obsoleta.
Ridisegnare il tracciato di una nuova comunicazione fuori dall'ipocrisia e possibilmente "fuori dal gregge dell'abitudine", come dice mia figlia.
Uscire dal proprio destino. Ognuno resta legato al destino, che noi stessi a parole palesi rifiutiamo, ma nel profondo, segretamente, desideriamo per rimanere così vincolati alla nostra libera miseria. Hai presente "Stalker" di Tarkovskij?
Distributori e librai, quali problemi noti?
Nietzsche, quello scansafatiche tedesco, diceva che bisogna parlare solo quando non è lecito tacere, e solo di ciò che si è superato, ogni altra cosa è chiacchiera, "letteratura", mancanza di disciplina.
Secondo te, perché mentre il cinema s'avvale di esercizi che con i locali d'essai riesce - e anche con risultati spesso commercialmente apprezzabili - a presentare opere sgradite alla grande distribuzione, non avviene altrettanto con le librerie?
E' una domanda troppo bella per essere contagiata da una risposta.
L'e-book è nei tuoi programmi? Se sì, quando e con quali primi titoli? Se non lo è, qual è la ragione?
E' una domanda troppo vecchia per avere una risposta fresca di giornata.
Eeh, ma qui tra domande belle e domande vecchie non andiamo più avanti e facciamo notte.
No, senti qua. Tim Bernes-Lee, inventore del Web, ha fondato il Word Wide Web Consortium (W3C) al Massachusetts Institut of Technology in collaborazione con CERN, nell'ottobre del 1994, bene, cinque mesi prima il 16 e 17 giugno del 1994 organizzammo a Bologna con Bifo il convegno Cibernauti e l'anno dopo il seminario Nell'Info-econo-sfera.
Ora sto progettando con Paolo Fabbri (con un medium archelogico per i terrestri) venti trasmissioni televisive (brevissime, 10') dal titolo provvisorio Strumenti per comunicare.
Bene. Buon lavoro!
Si fanno numerosi gli attacchi al diritto d'autore, non solo i Luther Blisset, i Linux, i Wu Ming, ma di recente anche "Le Monde" ha preso posizione in tal senso. Ed io tremo perché anche di SIAE campo? Ho ragione di temere per i miei destini? Tu che mi dici?
La scrittura abita lo scrivente e non paga l'affitto, ma lo scrittore abita la partita Iva, a proposito Armando a chi fatturo 'sta storiella?
Al comandante Picard, naturalmente.
A tutti gli ospiti di questa taverna spaziale, prima di lasciarci, infliggo una riflessione su Star Trek. che cosa rappresenta quel videomito nel nostro immaginario?
Quest'estate sono stato a Trècchina, sopra Maratea, a trovare il mio amico Gabriele Frasca, e lì mi parlò di Star Trekkina...ti riferisci a quel ridente (per non esser piangente) paesino lucano?
Beh.non proprio, comunque Trècchina sta pur sempre in questa Galassia, se non sbaglio in fondo a destra.ora siamo quasi arrivati a Sossèllya, pianeta di cellulosa abitato da alieni che usano parlare delle cose cui più tengono rinchiudendosi in uno stellare audiobox.se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata.
Appena t'arriva fra le mani un Chateau Petrus del 1978 fammi un fischio e arrivo con il primo volo, so che lo puoi trovare; ce ne sono solo 486 bottiglie nello spazio e 485 se l'è sgraffignate Silviobanana.
Già, ma l'altra se l'è imbertata Previti. Senti a me, finiamo questo eccellente Ortrugo Doc Colli Piacentini di Torre Fornello.ti saluto com'è d'obbligo sull'Enterprise: lunga vita e prosperità!

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuto.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Luca Sossella

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Editoria

 

Marcello Baraghini
Antonio Barocci
Miriam Bendìa
Luisa Capelli
Severino Cesari
Claudia Coga
Cesare De Michelis
Claudio Del Bello
Marco Della Lena
Sandro Ferri
Marco Gatti
Enzo Golino
Anna Mioni
Luca Sossella
Maurizio Zanardi

Archivio completo