In questo numero
COmmenta Commenta l'intervento
di Rita Cirio
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Fenomeno Ufo (1)  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L’ospite accanto a me è Rita Cirio. Autrice e critica teatrale. Meglio chiarirlo subito: sono uno dei suoi fans (non siamo pochi), se la cosa non vi garba, cambiate taverna spaziale.
Anni fa ho avuto la gioia di averla alcune volte ospite di mie trasmissioni a Radio Rai, ammirando la sua capacità di possedere una versatilità verbale per nulla inferiore a quella della scrittura, eloquio polemico tenero e feroce, immaginate una che possa disputare nel salotto dei Guermantes e litigare altrettanto efficacemente con un camionista ubriaco. Da anni su L’Espresso ne leggiamo gli articoli che rappresentano molto di più di recensioni sugli spettacoli, perché tracciano una storia ragionata dei testi di ieri e di oggi ed una teoria sul fare teatro e fare critica teatrale.
In quest’incontro con lei parlerò, com’è giusto o forse fatale, anche di critica, ma desidero porre in primo piano la Divina nel suo ruolo di autrice.
Nel 1974 insieme a Emanuele Luzzati, Tonino Conte, Aldo Trionfo, Giannino Galloni e un gruppo di attori fonda a Genova la compagnia teatrale 'Il Teatro della Tosse' che prende il suo nome forse in maniera canzonatoria dal disturbo delle vie aeree superiori che terrorizza spettatori e teatranti, ma pure in modo banalmente toponomastico dalla sua prima sede che si trovava alla Salita della Tosse. Il lavoro della compagnia www.teatrodellatosse.it si distingue ancora oggi per la libertà dei percorsi artistici, della scelta dei testi e dell'uso degli spazi. In quel teatro, nel 1991, e replicato per più stagioni, fu allestito da Filippo Crivelli il testo di Rita “12 Cenerentole in cerca d’autore”, stampato da Quadragono libri (poi ripubblicato da Nuages, Milano) con illustrazioni di Lele Luzzatti. Questi parteciperà alla messinscena e, a testimonianza del successo dello spettacolo, fu anche tenuta una Mostra di costumi e bozzetti di scena alla Galleria “Il Vicolo” di Genova.
In epoca più recente, nel 2000, ha portato in scena "Frammenti di un discorso amoroso" di Roland Barthes, al Festival di Palermo sul Novecento per la regia di Piero Maccarinelli con Massimo De Francovich, e poi in tournée.Ha scritto Susanna Battisti: “Ristrutturare in una solida intelaiatura drammaturgica un testo-saggio atipico come "Frammenti di un discorso amoroso" di Roland Barthes è un’impresa più che ardua. Confermando il suo gusto per la sfida e per il paradosso, Rita Cirio affronta la prova mettendo in scena i meccanismi dell’innamoramento nell’era del cyber sex, ma soprattutto ridando voce ad un grande maestro di vita e signore dei segni come Barthes (i termini non contrastano) in un momento in cui l’intelligenza colta sembra destinata all’impopolarità” http://www.kwlibri.kataweb.it/teatro/teatro_010301.shtml. Il testo, godibilissimo, lo si trova nelle edizioni Sellerio (a proposito, l’Editrice siciliana dispone da poco di un suo sito in Rete: www.sellerio.it). Chi non lo avesse fatto, acquisti quel libro nelle cui pagine Rita attraversa, da dominatrice dotta e sorniona della scrittura qual è, sospiri e spasimi calandoli nelle atmosfere e nelle scansioni del melodramma.
Altri titoli li trovate cliccando, ad esempio, su http://www.teche.rai.it/biblia/index.html.
Segnalo anche www.kwlibri.kataweb.it dov’è possibile leggere suoi interventi anche in ambito extrateatrale, ad esempio sulle arti visive, il logo della rubrica è l’immagine di guanti neri di satin che battono su d’una tastiera di computer.

 

Benvenuta a bordo Rita…voglio farti assaggiare questo AnnaMaria Clementi del ‘96 Cà del Biosco…ecco fatto.Adesso ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero “è un bel manico”, però noi nello spazio stiamo, schizziamo ”a manetta”, prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra, come sempre chiedo iniziando la conversazione con i miei ospiti, il tuo ritratto… interiore…insomma, chi è Rita secondo Rita…avvicinati e dimmelo…
Rita scende le scale di Wanda Osiris cantando “Sentimental” ma è vestita come Rita Hayworth , abito e guanti neri di satin disegnati da Jean Louis.
“Sentimental” dissolve nel motivo conduttore di “Vertigo” scritto dal grande Bernard Hermann per il film di Hitchcock , uno dei più belli della storia del cinema. La musica resta in sottofondo durante tutta la conversazione.
Ho capito. Mi pare un’ottima maniera, più delle parole, per comunicare ai miei avventori chi sei.
Ora, un esercizio crudele. In meno di 9 parole, tante quante sono le lettere del tuo nome, componi un telegramma nel quale sia riassunta la tua figura d’autrice teatrale…
Oltre la IV (parete)
Hai portato in scena in un solo spettacolo tante Cenerentole quante necessarie per accoppiarsi con gli Apostoli. Perché tante? E che cosa combinano?
Sono quante bastano per ripercorrere la storia del teatro, dai greci alla commedia musicale, passando per Shakespeare, Goldoni, Beckett, Tennessee Williams, eccetera. Ne combinano di ogni tipo, incarnandosi nelle eroine e nelle trame dei vari autori, magari mescolandole insieme. E raccontano tutti i vizi e i tic delle messinscene degli ultimi trent’anni.
Qual è stata la principale difficoltà che hai incontrato nel trasferire sul palcoscenico i “Frammenti di un discorso amoroso”? E attraverso quale intuito l’hai superata?
Pensando a come doveva essere nato, da un seminario anche affettuoso di un professore con i suoi allievi prediletti (anch’io sono stata professore all’università). Dopo che l’avevo scritto, ho ritrovato negli appunti di Barthes (di cui sono stata allieva e amica) qualche riga proprio sulla genesi dei “Frammenti”. Il resto lo ha fatto la tenerezza, oltre che la devozione, che ho avuto per Barthes, la sua grandezza di anticipatore, la sua finezza. E sono cose che penso siano percepibili nello spettacolo andato in scena, come tu hai prima ricordato, con la regia di Piero Maccarinelli.
Accennavo in apertura ai tuoi interventi in Rete in ambiti anche non teatrali. In quale delle altre aree espressive credi che ci siano oggi i lavori più interessanti nella sperimentazione di nuovi linguaggi?
Prima che critico, sono architetto, laureata al Politecnico di Milano. Il teatro e l’architettura, quando riescono bene, sono sintesi di tante altre arti ed esigenze. Chi fa teatro deve saper spaziare senza confini tra visivo, letterario, musicale, e non solo aggrapparsi a un puro testo come all’unica zattera della Medusa.
Qual è la cosa, la modalità, che ti fa venire la scarlattina quando la vedi in scena? D’accordo, ce ne sarà più d’una, ma intendo quella che più di altre ti provoca eruzioni cutanee?
Gli attori che fanno finta di aver capito le parole che dicono (e non è vero e si sente subito). I registi che si credono più intelligenti del testo che hanno scelto di rappresentare, ma anche gli attori troppo “intelligenti”. In scena, come nella vita , mi piace la generosità (di idee, di se stessi) anche se imperfetta.
“Teatro di avanguardia, sperimentazione, alternativo, e poi con i fatali prefissi neo, post, trans…” – la frase appartiene ad una che scrive di teatro che forse conosci – insomma, che cosa vuol dire per te “teatro di ricerca” oggi?
Si torna alla generosità di prima, senza tante etichette. A volte c’è più ricerca in uno spettacolo apparentemente classico e “normale” che in quelli catalogati come d’avanguardia.
Perché, assai spesso, l’attore italiano di teatro non funziona al cinema e viceversa?
Hai mai visto le riprese televisive di spettacoli teatrali anche bellissimi? Gli attori, in primo piano, sembrano usciti dalla neurodeliri. A volte poi si aggiunge il tocco ineluttabile del regista televisivo che non contento di filmare e basta, ci mette del suo, e allora è meglio che il teatro resti confinato nei teatri e basta. Quanto agli attori di teatro, ricordo quando Gassman mi raccontò in “Il mestiere di attore” che…
…t’interrompo per ricordare a chi ci ascolta che si trova nelle edizioni Marcom…
…sì…Gassman, dicevo, mi disse come ci vollero diecine di film prima che sfondasse nel cinema, cosa che avvenne solo quando decise con coraggio e generosità di dare l’addio al suo ego teatrale per inventarsene uno diverso al cinema. Ancora una volta la generosità, unita ovviamente a un minimo di tecnica acquisita adatta al mezzo. Quanto al viceversa, l’Italia è uno dei pochi paesi dove certi attori di cinema non sanno cosa sia recitare e troppo spesso non hanno mai fatto teatro. In Francia, Inghilterra, Germania, e non solo, non è così. E si vede.
So che sei molto legata ad un tuo libro, mi riferisco a “Il mestiere di regista”, edito da Garzanti, dedicato a Fellini. Perché è uno dei tuoi titoli preferiti e come nacque l’idea di farlo?
E’ proprio sul set dei suoi ultimi film e spot che è maturata l’idea de “Il mestiere di regista” da lui voluto fortemente. Io volevo fargli l’ennesima intervista per L’Espresso. Lui volle un libro. Decisi di percorrere trasversalmente la sua carriera passando per il racconto di tutti i produttori e di tutti gli interpreti conosciuti nella sua vita. E di li nacque anche l’idea dello speciale sugli attori che lui stava per realizzare. C’è un ricordo molto tenero legato a quel libro. Dopo che Fellini se ne andò, nell’ottobre del 93, un giorno mi chiamò il suo avvocato, Patrizi, “Perché non vuol fare il libro Rita? Federico ci teneva tanto. Venga a trovarmi, devo mostrarle qualcosa “. Io avevo perso anche il contratto. Lo ritrovai da lui, firmato anche da Federico, con l’aggiunta di una pagina su cui Federico aveva già disegnato la copertina con il titolo. “Ma non la faccia vedere a Rita, altrimenti si preoccupa” aveva fatto promettere Federico nel giugno 93, prima di partire per Zurigo e subire quell’ intervento e le complicazioni successive che scatenarono l’ictus che se lo portò via. Mi commossi, neanche un parente ha in genere tanta delicatezza. Non mi restava che trascrivere, fedelmente dalle registrazioni, tutto quello che c’eravamo raccontati in tante domeniche nella sua casa di via Margutta, con Giulietta che ci portava il caffè. Mi piacerebbe che per i dieci anni dalla morte di questo regista e personaggio incommensurabile, qualcuno rileggesse quel libro. Non voleva esserlo, ma è diventato una sorta di testamento.
A tutti gli ospiti di questa taverna spaziale, prima di lasciarci, infliggo una riflessione su Star Trek… che cosa rappresenta quel videomito nel tuo immaginario?
Sai, mi fa una grande tenerezza vedere invecchiare gli interpreti, le loro sopracciglia tenute su ormai con notevoli sforzi…mi ricordano gli attori d’una compagnia che vidi recitare a Mosca…avevano in scena “L’uccellino azzurro” di Maeterlinck nella stessa edizione allestita prima della Rivoluzione…”ogni tanto” – mi raccontarono – “qualcuno di noi se ne va all’altro mondo, tocca sostituire chi faceva il pane o altri ruoli”…
Siamo quasi arrivati a Cyryo, pianeta abitato da alieni monoteisti che adorano una sola dea chiamata Rhytha, clone d’una divinità terrestre…se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l’intervista, anche perché è finita la bottiglia di AnnaMaria Clementi di Cà del Bosco… Però torna a trovarmi, io qua sto…intesi eh?
Sfuma la musica di “Vertigo”. In terra sono rimasti i guanti neri di satin.

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuta.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Rita Cirio

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Teatro

 

Marco Baliani
Gianfranco Capitta
Simone Carella
Pino Caruso
Silvio Castiglioni
Ascanio Celestini
Rita Cirio
Attilio Corsini
Mimmo Cuticchio
Mimmo Del Prete
Pippo Di Marca
Claudio Facchinelli
Iaia Forte
Nanni Garella
Nico Garrone
Carlo Infante
Kinkaleri
Marco Martinelli
Ermanna Montanari
Luciano Nattino
Valeria Ottolenghi
Vittoria Ottolenghi
Alfonso Santagata
Marco Solari
Teatro delle Ariette
Alessandra Vanzi
Emanuela Villagrossi
Ugo Volli

Archivio completo