In questo numero
a bordo Piergiorgio Paterlini  
     
COmmenta Commenta l'intervento
di Massimo De Nardo
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Variazioni su Space Invaders  
     
Newsletter
Newsletter

Fedeli alla linea

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Un’avventura di Tarzan  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Michele Zaccagnini  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L'ospite accanto a me è Massimo De Nardo. Copywriter, insegnante di Linguaggi della Comunicazione, direttore della rivista web Segnal'etica: www.segnaletica.sinp.net
Il sito si occupa - et pour cause! - dei linguaggi della comunicazione, dei problemi semiologici che l'investono, dei vari strumenti espressivi che usa. Cliccate sul link che vi ho dato e, almeno stavolta, non m'invierete insulti. Ma ringraziamenti. Perché lì - oltre alla trattazione teorica di problemi del linguaggio - scoverete un repertorio d'argomenti che vanno dalla fotografia alla pubblicità, alla letteratura, al cinema, al design, ad altro ancora. Insomma, è difficile che non troviate temi che riguardino uno, o più di uno, dei vostri interessi.
E se siete appassionati di letterature del viaggio e lì non ne trovate notizia?
Niente panico.
Massimo, visto che del tempo gliene avanzava, ha messo in rete una rivista/libreria con titoli di ieri e di oggi esclusivamente ispirati a quel tema. Il viaggio per raggiungere gli scaffali online navigando sul web, ne vale la pena.
Il nome del sito è rigorosamente ljeskòviano: http://www.ilviaggiatoreincantato.sinp.net

 

Benvenuto a bordo, Massimo …
Grazie, e bentrovati a te, al resto dell'equipaggio e agli ospiti della vineria. Come funziona qui? Mi slaccio le cinture di sicurezza? Rispettate i limiti di velocità? Parlate al conducente? Gettate oggetti dai finestrini? Sai, sul pianeta Terra tutto è il contrario di tutto.
Comportati come peggio credi. Adesso, voglio farti assaggiare questo Liburnio '97 di Orlandi Cantucci Ponno…qua il bicchiere…ecco fatto. Ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero "è un bel manico", però noi nello spazio stiamo, schizziamo "a manetta", prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra il tuo ritratto…no, non quello fisico…quello interiore, và è meglio…
Mi etichetto come "idealista ottimista oscillante". Spiego. Per poter essere idealisti ci vuole una bella spinta d'ottimismo. Serve per muoversi, è un atto di volontà. Purtroppo, questa idealità tanto cercata riceve spesso colpi in faccia e calci negli stinchi, quando va bene. Ecco che allora l'idealista ottimista si trasforma e diventa il pessimista della ragione e l'ottimista della volontà. E comincia l'oscillazione. Per continuare ad illudermi, mi restringo in nicchia, costruisco i miei luoghi del consumo intellettuale, morale, etico, solidale.
Qual è il traguardo di comunicazione di Segnal'etica, birichino apostrofo compreso?
Sarei tentato di rispondere: non lo so. Provo a dirlo. Il traguardo ideale sarebbe trasformare le parole in pietre (a volte lo sono) e poi, pietra su pietra, costruirci case, ospedali, teatri, biblioteche, sale da ballo. Ma con i giochi di parole - sebbene utili all'animo - non si va da nessuna parte. Quando dico "costruire" intendo una idealità sociale, uno stare bene gli uni con gli altri, uno scambiarsi le differenze. Il traguardo reale, meno metaforico, Segnal'etica lo raggiunge ogni volta che qualcuno sente la voglia di tornare una seconda volta. Non è poco. Sono azioni normali. Tranquille. Forse Segnal'etica inciampa negli ossimori. Ad esempio: un articolo sulla bruttezza (interiore e non) dei governanti è davvero bello. Uhm, non è un ossimoro; è solo masochismo. Dovrò riunire la redazione e discuterne meglio…
A proposito, com'è strutturata Segnal'etica e come lavorate in redazione?
Hai presente quei film con attore protagonista, soggetto, sceneggiatura, regia, produzione e distribuzione tutto riassunto in un solo nome? Segnal'etica è un po' così. Con Sandra (la parte cosciente di Segnal'etica) che legge, rilegge, corregge e scrive, con l'aiuto di amici in carne ed ossa e virtuali (scambi di articoli), di corrispondenze solidaristiche. Poiché Segnal'etica ha una struttura molto tradizionale (rubriche fisse, più interventi a caldo) è facile procedere. Cerchiamo argomenti che in qualche modo mostrino coerenza con la linea di condotta: segnali più etica! Roba pesante. Da trattare con disinvolta leggerezza. Vorrei scrivere un articolo sulle nuvole, nella rubrica del design, e poi affrontare l'argomento sull'aria fetida e sulle piogge acide. Se qualcuno ha voglia di scriverlo al posto mio, lo scriva e ce lo mandi.
Ritieni possibile in un prossimo futuro un interesse pubblicitario delle imprese per i siti web di contenuto culturale? Hai consigli al proposito?
Come ben sai, i gelati al polo nord non si vendono, ma solo perché c'è poca clientela.
Le aziende investono ancora poco nei siti web cosiddetti culturali perché aspettano i grandi numeri, migliaia di visite giornaliere. Non sono anticipatrici. Non investono nel futuro, però vogliono assicurarsi un futuro di profitto. E questo è un ragionamento strano. Le aziende investono in borsa, e quindi sanno di rischiare, ma non investono nel rischio della cultura. Si parla tanto di clienti/nicchia, ma si preferisce l'affollamento del centro commerciale… Un consiglio da dare? Signore aziende della cultura, investite nella cultura dei piccoli numeri; in alcuni casi sarà come aver comprato un Monet (che vale miliardi) al tempo giusto e non alle aste miliardarie.
A tuo avviso, qual è, o quale dovrebbe essere, la differenza tra l'informazione offerta da una rivista web rispetto a quella pensosa degli inserti culturali dei quotidiani o di quella trafelata della Tv?
Dici pensosa e trafelata. Vedo in questa tua espressione una forte critica ai mezzi più tradizionali (stampa e tv) e l'idea che il web possa essere brillante e col fiato giusto. Potenzialmente il web può essere così, anche per come è fatto "fisicamente", modificabile in ogni momento, non legato a formati standard. Agli inizi del web, ci siamo illusi di poter fare chissà che cosa con un computer, un modem e un provider. Se hai dei contenuti vai avanti. Con questo, voglio dire che le differenze tra i mezzi espressivi sono da considerare, ma contano i soliti vecchi contenuti. Un inserto culturale di carta - se ha buoni contenuti conditi con grafica accattivante - è fruibile come una bella pagina web, e viceversa. Tant'è che l'influenza è reciproca, quando c'è intelligenza e curiosità.
Il web sta trasformando la lingua?
Direi di no. All'inizio si era tentata una specie di grammatica del corto, parole abbreviate, ma poi è tornata - e meno male - la scrittura completa. Il web è uno strumento di comunicazione come un altro; certo, la lettura dallo schermo impone qualche regola di comportamento, che si risolve in una equilibrata scansione dei paragrafi, e non nell'uso di un linguaggio settoriale. Anche le e-mail, ho notato, sono tornate più "postali", più scritte. Si scrive a volte di fretta, con errori di battitura e anche con strafalcioni, ma qui non sto osservando un linguaggio web. Quando è comparso "Flash", per animare i siti, a molti è sembrata una svolta. Non mi pare sia stato così. Le connessioni sono lente, il mio computer non è la televisione, e certi effetti speciali annoiano. Sobrietà…anche se parliamo da una vineria
Nel novembre 2002 hai dato vita a Calibro Zeroquindici, www.calibrozeroquindici.sinp.net, una casa editrice web che presenta testi con tanto di copertina e retrocopertina. Qual è il significato del nome dell'editrice e quali i suoi traguardi espressivi?"
Il nome dato alle cose è più significativo del nome di persona, che non possiamo sceglierci e che in genere è il nome di un altro, santo o parente che sia. Calibro contiene la parola libro, e questa è già una traccia d'identità. Calibro come valore, dote, qualità, non certo come proiettile. Calibro Zeroquindici è pacifico e pacifista. Zeroquindici dovrebbe indicare l'età dei lettori/ascoltatori (a parte lo zero, gli anni vanno da 5 a 15). Definirsi casa editrice è impegnativo, e anche surreale, ma il web rende possibile ciò che, con carta e inchiostri, sarebbe un'impresa pazzesca, in tutti i sensi. In Calibro Zeroquindici ci sono mini saggi, micro storie, brevissimi racconti. Tutto in pdf, vedibile con Acrobat Reader. Calibro Zeroquindici è indirizzato a genitori e insegnanti. Chi vuole, scarica e stampa. Non essendoci vincoli di formati tipografici, Calibro Zeroquindici trasforma in libro anche una sola pagina scritta, con copertina e il resto. Al di là della confezione, libro vero o libro-non libro, resta la possibillità di una comunicazione, con storie e pensieri da raccontare.
Circa il web, ha detto Derrick de Kerckhove che la connettività è una delle grandi scoperte del mondo moderno, aggiungendo che essa però è sempre esistita tra gli uomini, ma prima non si era capaci di servirsene. Oltre alla connettività, quali valori attribuisci al web?
Il web ha valore soprattutto nello scambio di informazioni che producono contenuti.
E' ovvio, però non sempre è così. Siamo informati su quanto accade, ma nella sintesi di un titolo del telegiornale o di un giornale sfogliato via. Manca la "contemplazione" di ciò che accade nel mondo (da sotto casa alla Nuova Zelandia), la sua "analisi", la sua "verifica", la sua "connessione" con altri fatti. Non è neanche cronaca, che comunque ha bisogno di narrazione. Sappiamo ma non conosciamo. Sono come le risposte dei quiz. Mancano i perché. Con il web si corre il rischio della superficialità (per molti motivi, e non escludo il costo del telefono), perché la pratica dello zapping, nel web, è davvero alta. Connettersi non basta se non si avvia una comunicazione, durevole e reciproca.
L'arte elettronica, la vedi come una smaterializzazione del corpo fisico delle arti così come le conoscevamo? Oppure una mutazione genetica?
L'arte elettronica deve essere arte applicata. In questo, deve accostarsi alla "messa in mostra" dell'arte che utilizza tele, colori, marmo, bronzo e pellicola. Per arte applicata intendo quindi la possibilità di guardare (usufruire e fruire) un'opera al cinema, in una mostra, davanti ad un video. Permettimi una sintesi non troppo nobile: l'arte è concetto, tutto il resto è strumento che serve per mostrarlo questo concetto. I primi fotografi si posero quesiti non diversi - credo - da chi oggi si esprime con il computer, perché facevano riferimento alla pittura. L'elettronica è una tecnica, al pari della tempera.
A tutti gli ospiti di questa taverna spaziale, prima di lasciarci, infliggo una riflessione su Star Trek… che cosa rappresenta quel videomito nel nostro immaginario?
Mi trovi impreparato. Vedi, io sono stato (e sono) un passeggero virtuale di quella celebre astronave guidata dal computer Hal 9000, in viaggio verso Giove. Già, "2001: Odisea nello spazio".
In ogni caso, sia Star Trek sia 2001 sono letteratura in forma di cinema.
Penso che "il viaggio" nell'universo, o anche on the road, sia qualcosa in più di una metafora, dal momento che non solo appartiene ad un bisogno concettuale della vita, ma condiziona "materialmente" la vita stessa.
Sarà la pressurizzazione che mi fa sragionare così?
Siamo quasi arrivati a Denàrdya, pianeta web abitato da alieni voraci che si cibano di frames e perfino di segnali etici…se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l'intervista, anche perché è finita la bottiglia di Liburnio '97 di Orlandi Cantucci Ponno….Però torna a trovarmi, io qua sto…intesi eh?
Dire che è stato un piacere, sarebbe come darsi del lei: troppo formale. Prometto, verrò a trovarti. Tu promettimi che una volta scenderai su Denàrdya; visto mai che insieme non si riesca ad illuminare "la zona buia" di questo pianeta web, in parte inesplorato. A presto.
E grazie del passaggio.
Vabbè, ti saluto com'è d'obbligo sull'Enterprise: lunga vita e prosperità!

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuto.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Massimo De Nardo

 

commenti presenti

Interessante colloquio. Ho visitato l'editrice online. Ben fatta. carla de stasio

inviato da carla de stasio
 

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Web

 

Emanuela Audisio
Renato Barilli
Rossella Battisti
Fabrizio Bellavista
Piero Bianucci
Matteo Bittanti
Daniele Bolelli
Franco Bolelli
Simona Carlucci
Antonio Caronia
Luisa Carrada
Giulia Ceriani
Vanni Codeluppi
Giovanna Cosenza
Jaime D'Alessandro
Massimo De Nardo
Paola De Sanctis Ricciardone
Bruno Di Marino
Nicola Fano
Paolo Ferri
Mario Gerosa
Giuseppe Granieri
Franco Iseppi
Loredana Lipperini
Tiziana Lo Porto
Claudio Morici
Loretta Napoleoni
Peppino Ortoleva
Sandro Ossola
Francesco Pallante
Ennio Peres
Oliviero Ponte di Pino
Antonella Rampino
Antonio Rizzo
Mirella Serri
Renato Stella
Vincenzo Susca
Silvia Tessitore
Annamaria Testa
Franco Vaccari
Silvia Veroli
Giovanni Ziccardi
Antonio Zoppetti

Archivio completo