In questo numero
a bordo Gilberto Corbellini  
     
COmmenta Commenta l'intervento
di Matteo Guarnaccia
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Visioni di Daido  
     
Newsletter
Newsletter

Figli di Putin

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Se piangi, se ridi  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Annabella Cuomo  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L'ospite accanto a me è Matteo Guarnaccia. Psicoartista. La definizione non è mia, e ben s'attaglia alla personalità e all'opera di questo che, vi piaccia o no, è uno dei maestri della cultura psichedelica internazionale.
Artista visivo e visionario, art director, performer, saggista, organizzatore, anzi meglio, provocatore di eventi e workshop, studioso di culture tribali, ha iniziato a farsi conoscere con il multiplo d'arte nomade Insekten Sekte prodotto tra Goa e Amsterdam, 1969-1975.
Le sue opere sono state esposte negli Stati Uniti, in Giappone, Olanda, Germania, Spagna, Svizzera, sia in luoghi istituzionali (come, ad esempio, in Italia alla Triennale di Milano) sia in ambienti creativi anomali (rave e oasi naturali).
Il suo lavoro è un intreccio di echi provenienti da culture arcaiche, tecniche moderne di analisi psichica, ricerche scientifiche sull'attività della mente, condito da robuste dosi di ironia e autoironia.
Insomma, non si rifugia avaramente in un genere o una specializzazione, ama spendersi e disperdersi, giocare e sperperare, tesaurizzando solo il suo stile. Lo stile è potenza, si legge sul Corriere dello Sport, espressione che mi pare da usare anche nell'arte. Potrei aggiungere che dietro le immagini e le prose di Matteo ci sono sfondi - e ci sono - d'impegno civile, ma questo m'interessa meno, o forse per niente, in nessun autore. Lo stile è potenza. E' per questo che amo le sue operazioni.
Tra i suoi saggi ricordo: Eresie Psichedeliche, e Beat & Mondo Beat, entrambi del 1996, Summer of love (1997), tutti per Stampa Alternativa; inoltre segnalo Provos e Paradiso psichedelico www.aaa-edizioni.it...a proposito, consiglio di fare una capatina su questo sito della casa editrice fondata da Piermario Ciani e Vittore Baroni, troverete altri titoli assai interessanti anche di altri autori.
Sterminata la serie da lui collezionata di creazioni, azioni, fatti e misfatti, per saperne di più accendete i motori di ricerca e buon viaggio.

 

Benvenuto a bordo, Matteo...
Grazie per l'invito, scusa per il ritardo ma mi ero perso nel ponte del terzo livello. Stavo guardando attraverso gli oblò stereofonici il passaggio di una cometa ermafrodita che scodinzolava.
Sì, è un transcorpo stellare, fa così con tutti i miei ospiti…
Voglio farti assaggiare questo Morago Riserva 1997 delle Cantine Pasqua...qua il bicchiere...ecco fatto. Adesso ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero "è un bel manico", però noi nello spazio stiamo, schizziamo "a manetta", prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra - come sempre chiedo iniziando la conversazione con i miei ospiti - il tuo ritratto...risparmiaci quello fisico…interiore...insomma, chi è Matteo secondo Matteo...
Sono un artista impegnato a tenere aperta la pista del cuore, con qualsiasi tempo. Un giardiniere di percezioni, un ciclista spericolato, un appassionato e curioso camminatore sul lato soleggiato della strada.
Disse Marcel Duchamp: "Da quando i generali non muoiono più a cavallo non vedo perché i pittori dovrebbero morire davanti al cavalletto". Esprimersi oggi su tela e colori, lavorare con quei materiali, ha ancora un senso?
Sicuramente hanno ancora senso i fulmini anche se esistono le lampadine. Colori che si disperdono, odori, dita sporche, spazio energetico fatto da macchie, gighe indiavolate di pennelli, carte croccanti e abbacinanti, matite che fornicano con la cellulosa: non cambierei tutto questo con nulla al mondo. Il resto è manierismo, utile, dilettevole. Ci facciamo ancora fregare dal Cargo Cult? Bene, penso che sia il momento di disegnare la Gioconda sui baffi di Duchamp
Vedi una continuità oppure no fra le avanguardie storiche e le nuove ricerche espressive dei nostri giorni, computer compreso?
La continuità è data dalla curiosità dell'essere umano per trovare una via in grado di esprimere il proprio mondo interiore, che lo si faccia fischiettando o picchiettando sui tasti del computer è assolutamente ininfluente. Parlare di avanguardia è sempre difficile, chi la fa non se ne rende assolutamente conto, ci pensano gli altri poi a storicizzarla. Chi cammina sull'orlo dell'abisso pensa solo a godersi il momento, oggi come ai tempi del dadaismo.
La Genetic Savings and Clone, la società nota per la clonazione del gattino Cc, ha ispirato la nascita della BioArts Gallery alla quale si riferiscono gli artisti biopunk - come Dale Hoyt che n'è capofila - che considerano le biotecnologie una nuova, estrema, forma di Body Art.
Una tua riflessione su questa cosa...
Sono ulteriori segnali di implosione, di chiusura nel proprio ombelico, onanismo genetico. Va bene far casino in cucina, ma poi siamo alle solite: chi lava i piatti dopo? Chi pulisce i cessi? Chi raccoglie i cadaveri? Il concetto di arte estrema, di trasgressione (anche a livello embrionico) è decisamente patetico. Anche Dachau è stata una forma estrema di body art e allora? L'11 settembre è stata la più straordinaria forma di land art. Le piramidi sono grandi realizzazioni architettoniche, ma iniziamo a chiederci: chi pulisce poi?
A Vienna, al manicomio di Gugging, c'è un padiglione chiamato Haus der Kunstler, la Casa degli Artisti, dove alcuni ricoverati sono diventati pittori (Walla, Garber, Kernbeis, e altri) riconosciuti anche dal mercato,esposti in una delle più prestigiose gallerie viennesi Galerie Nachst St. Stephen. E' solo uno dei tanti esempi sul tema Arte-Follia. Tutta questa broda per chiederti: l'arte è una malattia o una terapia?
E' una broda che si può allungare come si vuole. Ognuno aggiunge il suo ingrediente preferito: magia, terapia, malattia, godimento, cazzeggio, piacere, rabbia, ego... Nell'ambito arte follia non dimentichiamoci anche l'art brut, Dubuffet etc... La borghesia nell'Ottocento, per ovvi motivi protezionistici, ha puntato molto sul concetto di estrosità dell'artista, spingendo molto la storia dell'orecchio di Van Gogh, insistendo sul fatto che gli artisti fossero "fenomeni"; nelle culture tradizionali il ruolo di artista non è assolutamente distinto o altro rispetto alla "normalità".
L'arte è fondamentalmente resistenza contro il pensiero dominante, poi ci può essere un armistizio, una tregua, il collaborazionismo...
Kevin Warwick studia l'integrazione Uomo-Macchina innestando chips nel proprio corpo e pensa a nuove tappe del Cyborg Project dall'Università di Reading; secondo i futurologi, in un tempo meno lontano di quanto s'immagini, impareremo codici capaci di svelare nuovi segreti della natura, passeremo la barriera dell'infinitamente piccolo, si dilaterà la concezione di Spazio, saremo capaci di percepire nuovi stati di coscienza e nuovi livelli di esistenza, la nostra coscienza-mente-identità sarà più vasta e ne saremo consapevoli...quale uomo potrà uscire da queste acquisizioni, quale sarà l'atteggiamento esistenziale che prevedi più lo differenzierà da noi?
Shazam! Il futuro è già passato? Qui ci stiamo ancora a scazzottare per questioni di parcheggio/patria e là fuori bilioni di possibilità e avventure che ci aspettano. Far fiorire le nostre personalità multiple. Restiamo Qui e Ora. Viaggiando sull'Enterprise comunque, mi pare una domanda bislacca, non ti sei guardato attorno? Quella pupa gondoniana coi circuiti attivati al banco dell'enoteca che ti si sta mangiando coi bulbi oculari fluorescenti è la risposta
…uhm…macché, finge…la conosco quella lì, è mia moglie.
Come ho ricordato in apertura presentandoti ai miei avventori, hai dedicato molti studi alle culture giovanili, specialmente alla generazione psichedelica. Quali elementi ti sembrano i più significativi nella differenziazione della rivolta di ieri e quella di oggi?
Inspirare, espirare, ispirare, espirare, ispirare, espirare. Espansione, contrazione...dipende da che parte osservi il cambiamento.
Su "Il Manifesto", ho letto spesso tuoi ottimi articoli dedicati ai videogiochi che Elio Cadelo definì macchine senza lieto fine. Come ho già detto altre volte, detesto i discorsi sui rischi che correrebbero i ragazzi, roba che arriva fino a goffi intenti di medicalizzazione...pussa via! Piuttosto, i videogames, spesso, s'avvalgono d'immagini bellissime, e il discorso porta anche alle arti visive…
A parte il pollicione sviluppato in maniera abnorme e una tendenza al bradipismo non vedo particolari controindicazioni. E' tutto estremamente personale. Generalizzare è vana fatica, come ovunque si vedono immagini strepitose e pacchianerie inaudite. Gli stessi che viaggiano tra gli elettroni si emozionano ancora con le figurine. L'occhio è uno strumento molto smaliziato, dipende su quale genere di ominide è stato applicato.
A tutti gli ospiti di questa taverna spaziale, prima di lasciarci, infliggo una riflessione su Star Trek...
che cosa rappresenta quel videomito nel nostro immaginario?
Non siamo soli nel multiuniverso, navighiamo "più oltre" come diceva il bus di Ken Kesey, tra tribù che si annusano, amoreggiano e si scazzottano. Capitani dello spazio e vecchietti dell'Himalaya che redigono diari di bordo e tengono a bada i pianeti in fondo alla scala evolutiva. A parte tutto, è mai possibile che con tutti i sistemi galattici visitati, l'equipaggio non abbia trovato di meglio per vestirsi dei pigiamini che indossano?
…sai, forse, l'amore, la guerra e il pigiama sono universali…ora siamo quasi arrivati a Guarnàccya, pianeta psicosconvolto abitato da alieni, sedicenti vegetariani, che si cibano esclusivamente di pane, rose, foglie e funghi...se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l'incontro, anche perché è finita la bottiglia di Morago Riserva 1997 delle Cantine Pasqua...
Che la pace sia con voi viaggiatori dello spazio
Vabbè, ti saluto com'è d'obbligo sull'Enterprise: lunga vita e prosperità!

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuto.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Matteo Guarnaccia

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Arti visive

 

Altan
Giovanni Bai
Tatiana Bazzichelli
Gabriella Belli
Billi Bilancioni
Rossana Bossaglia
Piero Cavellini
Chiara Caracci
Piermario Ciani
Claudio Cravero
Raimondo Del Prete
Marco Delogu
Derrick de Kerckhove
Arianna Di Genova
Stefano Disegni
Pablo Echaurren
Vittorio Fagone
Giosetta Fioroni
Simone Frasca
Matteo Guarnaccia
Teresa Macŕ
Marco Marcon
Barbara Martusciello
Francesco Monico
Renato Nicolini
Franziska Nori
Luca Patella
Lorenzo Pezzatini
Fabrizio Plessi
Elisabetta Prando
Carmelo Romeo
Franco Santini
Antonella Sbrilli
Luigi Serafini
Elisabetta Sgarbi
Maria Rosa Sossai
Mino Trafeli
Luciano Trina
Marina Vergiani
Lea Vergine
William Xerra
Istvàn Zimmermann

Archivio completo