In questo numero
COmmenta Commenta l'intervento
di Pablo Echaurren
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Gli special di Cosmotaxi  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L'ospite accanto a me è Pablo Echaurren. Illustratore e pittore. Definizioni corrette ma insufficienti a rendere il percorso espressivo di questo artista (di cui s'accorse il critico-gallerista Arturo Schwarz che ne organizzò le prime mostre a Milano, in Germania, e negli Stati Uniti) perché la sua opera si diffonde dal fumetto (Linus, Frigidaire, Comic Art) al cinema (è co-autore del film Piccoli ergastoli presentato nel 1997 alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, prodotto e trasmesso da RAI2), al giornalismo (è tra i fondatori della rivista Carta - www.carta.org) fino a nomadismi attraverso l'arte telematica.
Nel 1975 espone alla Biennale di Parigi, seguiranno poi un tale numero di tante altre personali e collettive da dissuadermi dall'elencarle. Per saperne di più, vi do alcuni link, ad esempio http://www.comune.roma.it sul quale troverete la sua foto (ritratto probabilmente dopo una rapina fallita) però, per fortuna, ci sono anche immagini della sua opera pittorica; e ancora:
http://www.comune.bologna.it
dove si legge un minisaggio di Sergio Dalmasso che ben interpreta le immagini parlate di Pablo.
Ha pubblicato diversi libri, tra cui: Saette, Primo Carnera, 1985; Majakovskij, Il Serraglio, 1986; Caffeina d'Europa, Il Grifo, 1988 e per la stessa casa nel 1994 Vita disegnata di Dino Campana; Stelle filanti, Roma, Ed. Tango, 1988; Compagni, 1998, e, con Claudia Salaris, nel 1999, Controcultura in Italia, 1967-1977, entrambi per le edizioni Bollati Boringhieri.
La sua prova letteraria più recente è un libro godibilissimo: Corpi estranei, pubblicato dall'editore più processato d'Italia, il mio amico Marcello Baraghini, di stampalternativa
Corpi estranei è un catalogo scoppiato di gruppi, tendenze, movimenti - dagli anarcociclisti ai disgustisti, dai banalisti ai criptoribelli, agli attivisti della (da me amatissima) Associazione per lo Sbattezzo, ad altri ancora dentro e fuori i confini della realtà - che, presentati attraverso una vertiginosa scrittura, tracciano un panorama out & off dei fermenti artistici e politici di questi anni.
Seguo da anni il lavoro di Pablo di cui sono un convinto sostenitore, so che dichiarare questa mia ammirazione può alienargli molte simpatie, ma non me ne fotte niente. Peggio per lui.

 

Benvenuto a bordo, Pablo…
Ciao Armando, ma ti correggo subito non sei tu a mettere in pericolo la mia fragile reputazione, sono io che posso minare dalle fondamenta la tua se pure ce n'hai una.
Io la mia l'ho buttata via da un pezzo…
Vabbé, in questa nobile gara a chi si cestina per primo, mi pare che entrambi siamo andati a segno, quindi è il momento di passare ad altre gioie. Voglio farti assaggiare questo Cepparello '98 di Isole e Olena da Barberino Val D'Elsa…qua il bicchiere…ecco fatto! Adesso ascolta: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero "è un bel manico", però noi nello spazio stiamo, schizziamo "a manetta", prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra il tuo ritratto…
Devo fare il mio ritratto? Ma io non ritratto niente di quello che ho fatto e dunque nessun ritratto se non quello di cercare di essere inafferrabile, non definibile per definizione, incostante e quindi mai fermo. Una situazione impossibile per farmi riprendere anche da terzi.
"Da quando i generali non muoiono più a cavallo, non vedo perché i pittori dovrebbero morire davanti al cavalletto" disse il sornione Duchamp. Esprimersi oggi su tela e colori, lavorare con quei materiali, ha ancora un senso?
Decisamente nessun senso, specie oggi che dopo Duchamp siamo caduti nelle mani dei duschampisti, ai doppiamente schampisti, agli estetisti vuoti di testa e cotonati e tinti e ritinti.
Ti sei nutrito di amori e umori dal Futurismo al Dadaismo al Cubismo. Vedi un rapporto, e, se sì, quale, fra le avanguardie storiche e le nuove ricerche espressive dei nostri giorni, computer compreso?
Marinetti diceva che bisogna sputare ogni giorno sull'altare dell'arte. Combatteva così l'idea di un'arte ingessata, parruccona, accademica. Oggi le cose non sono cambiate si sono solo ingigantite. L'arte è in mano a un gruppo d'interesse e di pressione, di manipolazione dell'opinione pubblica. Un gruppo che sancisce cosa è arte e cosa no, chi è artista e chi non ha diritto di definirsi tale. Contro costoro c'è ancora molto da fare.
E' nelle arti visive oppure in altre aree che trovi oggi i lavori più interessanti nella ricerca di nuove modalità espressive?
Nei video clip musicali, nella net art, nell'arte con la minuscola, capace di infiltrarsi negli interstizi del mercatone globale.
Nonostante in molti sostengano che l'underground più che sotterraneo è oggi sepolto, si riflette - lo si è fatto anche di recente in un interessante convegno al Leonka - sulle sue attuali forme.
Per quanto riguarda il fumetto, a 35 anni dallo Zap di Crumb, esiste a tuo parere ancora una forma
underground?
Certo che esiste e vegeta. E' proprio quel popolo che non accetta l'imposizione della critica ufficiale, che ritiene banale la Biennale, che si ostina a fare malgrado e contro la selezione spietata dei mercanti, dei galleristi, dei curatori di musei, dei costruttori di mausolei dove entrano solo i cadaveri imbalsamati e imbellettati dagli schampisti ci cui dicevo poco fa.
Come ho detto in apertura, hai fatto anche cinema e - speriamo in molti - che continuerai a farlo.
Al di là di ottuse scelte della nostra distribuzione, non è solo questa la causa dei rari successi dei nostri nuovi registi di cinema: chi li accusa di autoreferenzialità, chi di scarso mestiere. Tu che mi dici?
Non credo che nessuno mi farà più fare alcun film. E non sono interno a nessuna dinamica cinematografica. E' un mondo che ignoro, come tutto ciò che è d'oro. Penso che manchi la capacità di raccontare e di ascoltare i rumori della strada. Ci sono troppi salotti e terrazze. Troppi che nascono nelle sale party.
David Garcia e Geert Lovink operano un distinguo fra "media strategici" cioè le grandi case di produzione cinematografica, le grande reti tv, eccetera, e i "media tattici" quelli sfruttati da coloro che sono fuori dalle gerarchie del potere. Come vedi il futuro di questi ultimi?
Il futuro, benché io sia un vecio filo futurista, non sono in grado di antivederlo. Mi piacerebbe però che si creassero dei luoghi di raccordo, dei link di lavoro, delle sintonie operative e fattive, delle zone liberate e allargate per produzioni collettive.
Le arti visive - specie oggi con la Rete - subiscono saccheggi ed espropriazioni da parte di molti che nemmeno citano il nome degli autori predati.
Lo giudichi un bene come i blissettiani, oppure hai un suggerimento per aggiornare le prospettive della sezione Siae che tutela attenta, con un nome un po' vecchiotto in verità, le "arti figurative"?
Sono spesso piratato. E questo lo considero un onore. Lo accetto se chi mi scippa è un soggetto debole, non legato al mercato, senza fine di lucro, mi incazzo se la cosa viene praticata da chi è fornito di consistenti mezzi economici. Sono stato saccheggiato dalle Poste Italiane, dalla Mondadori, dall'Espresso, dalla Rai, eccetera, e quasi mai sono riuscito a far valere le mie ragioni. Per cui sono debole coi deboli e impotente coi potenti. Amen
Ti so gourmet. Anch'io sono appassionato di enogastronomia. Non sfuggirai quindi ad una mia domanda sulla ristorazione italiana: dimmene il suo maggiore pregio ed il suo peggiore difetto…
Il vorrei ma non posso. La grande quantità di locali a 100.000 lire e oltre a persona senza qualità, adagiati nel proprio cattivo gusto e premiati da quello dei clienti che non sanno distinguere una rapa da una rapina, cullati dall'onda della moda della guida. Poi bisogna lamentare la scomparsa di trattorie degne di questo nome. Pochi sanno fare il proprio mestiere. Ma qualcuno per fortuna c'è.
A tutti gli ospiti di questa taverna spaziale, prima di lasciarci, infliggo una riflessione su Star Trek…che cosa rappresenta quel videomito nel nostro immaginario?
Da buon g-astronomo non dovresti apprezzare i prodotti industriali preconfezionati e non artigianali tipo Doppio Brodo Star Trek. Ho capisciuto bene? E' a questo che ti riferivi?
Vabbè, ti ho capito. Siamo quasi arrivati a Echaurrenia, pianeta miniato della Galassia abitato da cloni di Corpi Estranei…se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l'intervista, anche perché è finita la bottiglia di Cepparello '98 di Isole e Olena da Barberino Val D'Elsa… Però torna a trovarmi, io qua sto…intesi eh?
E perché dovrei voler scendere? Non c'è una cambusa su questa stramaledetta astronave dove andare a rimediare un'altra bouteille? Che dico bottiglia, una flottiglia di bottiglie, una cassa, una massa. Dài stappa che si riparte!
…Oh, ecco un ospite come piace a me! Ora ne stappo una seconda., e solo dopo la terza ti saluterò com'è d'obbligo sull'Enterprise: lunga vita e prosperità!

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuto.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Pablo Echaurren

 

commenti presenti

Ho già avuto un contatto epistolare con Pablo Echaurren: potete fornirmi la Sua e-mail o cortesemente fornire la mia a Lui? Vi ringrazio comunque per la Vostra cortesia. Guido Menghetti

inviato da guido menghetti
 

Caro Menghetti, non possiamo fornire gli indirizzi dei nostri ospiti, lo vieta la legge 675 sulla custodia dei dati personali. Sappia che dopo la conversazione con Adolgiso, Echaurren ha aperto un suo sito in Rete: http://www.pabloechaurren.com/ dove è possibile contattarlo direttamente. La ringraziamo per aver visitato il nostro webmagazine. Cordiali saluti.

inviato da Studio Living Color
 

quando pablo echaurren esalta i writer OFFENDE i lavoratori impediti a viaggiare a causa dei danni arrecati alle scritte tecniche di servizio sui mezzi pubblici vergogna

inviato da pietro sala
 

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Arti visive

 

Altan
Giovanni Bai
Tatiana Bazzichelli
Gabriella Belli
Billi Bilancioni
Rossana Bossaglia
Maria Campitelli
Piero Cavellini
Chiara Caracci
Piermario Ciani
Claudio Cravero
Raimondo Del Prete
Marco Delogu
Derrick de Kerckhove
Arianna Di Genova
Stefano Disegni
Pablo Echaurren
Vittorio Fagone
Giosetta Fioroni
Simone Frasca
Matteo Guarnaccia
Sandra Lischi
Teresa Macrì
Marco Marcon
Barbara Martusciello
Francesco Monico
Annamaria Monteverdi
Renato Nicolini
Franziska Nori
Luca Patella
Lorenzo Pezzatini
Fabrizio Plessi
Elisabetta Prando
Carmelo Romeo
Franco Santini
Antonella Sbrilli
Luigi Serafini
Elisabetta Sgarbi
Maria Rosa Sossai
Mino Trafeli
Luciano Trina
Marina Vergiani
Lea Vergine
William Xerra
Istvàn Zimmermann

Archivio completo