In questo numero
COmmenta Commenta l'intervento
di Elisabetta Sgarbi
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Gli special di Cosmotaxi  
     
Newsletter
Newsletter

Sentine e sentinelle

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Sette coccodrilli  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Laurina Paperina  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L’ospite accanto a me è Elisabetta Sgarbi. Scrittrice, regista, direttore editoriale della Bompiani
Ha ideato, e ne è Direttore Artistico, La Milanesiana giunta quest’anno alla sua ottava edizione.

Conduce in Rete un sito  dove troverete tutte le notizie della sua plurale e vertiginosa attività che ne fanno un personaggio unico nello scenario culturale non solo italiano.

La sua più recente impresa fornisce lo spunto per quest’incontro nella taverna dell’Enterprise.
Si tratta di Il pianto della statua che ha ricevuto calorose accoglienze e si è particolarmente segnalato al recente Festival di Locarno.

 

Benvenuta a bordo, Elisabetta…
Grazie dell’invito, spero di non aver perso qualche pezzo per strada durante il teletrasporto…
Solo un attimo, controllo… eh no, per la gioia di noi tutti, alieni compresi, non ti sei persa niente. Tutti i pezzi ci sono e stanno gloriosamente al posto giusto.
Sappi che Nicola Batavia, chef e patron del ristorante 'L Birichin' di Torino mi ha consigliato d’assaggiare durante la nostra conversazione nello Spazio un certo vino. Mi ha scritto in spacefax… leggo: “Il vino che ti consiglio è una Barbera d'Alba doc 2004 di Ermanno Costa, di San Defendente di Canale (Cuneo). Quando penso a questa terra come il Piemonte mi risalgono i profumi dell’uva e di qualche piatto che oggi cucino nel mio ristorantino. Non posso starci lontano e non posso farne e meno... di cosa?... della tavola e di cosa”.
Fin qui Nicola Batavia… qua il bicchiere.
Adesso ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero “è un bel manico”, però noi nello spazio stiamo, schizziamo ”a manetta”, prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra, come sempre chiedo iniziando la conversazione con i miei ospiti, il tuo ritratto… interiore…insomma, chi è Elisabetta  secondo Elisabetta…
Se siamo nello spazio interstellare, allora dico senz’altro, cogliendo l’occasione esterna, che io sono una viaggiatrice, ma i luoghi in cui mi reco fanno capo quasi sempre alla mia stessa mente: la esploro con passione e curiosità inesauribili, ben sapendo che i viaggi interiori sono i più gratificanti. E poi sono quelli che permettono di scoprire in sé schegge di divertimento.
Com’è nato “Il pianto della statua”, che cosa ti ha spinto a farlo?
Ho voluto far capire, dal mio punto di vista, che l’intensità e il dolore rappresentati ed esibiti nei Compianti, queste grandi opere d’arte rinascimentali, riassumono con potenza la profondità dell’essere umano alludendo anche a qualcosa che va al di là, che lo trascende. Il Leitmotiv l’ho scorto nell’acqua (le lacrime sono il punto di partenza), e quindi mi trovo qui un po’ spaesata, visto che ci troviamo in una vineria spaziale. L’acqua fa a pugni col vino, mi pare di ricordare.
Noto che i testi sono stati scritti da autori assai diversi fra loro: da Michel Cimino ad Antonio Scurati, da George Romero a Tahar Ben Jelloun… quale filo rosso hai voluto dai loro scritti?
Ho chiesto a scrittori e registi che più ritenevo in sintonia con la mia idea del mondo e con il mio modo di operare con le immagini e con le parole, di compiere una lettura “libera” di quelle straordinarie opere che sono appunto i Compianti. Il loro mondo interiore si è come spalancato grazie alla contemplazione di esse, e la loro sensibilità, sollecitata, ha fatto poi il resto. Tutto si è svolto in maniera molto semplice e naturale, come del resto naturale, pur nella tragicità, è lo scenario di fondo di tali sublimi testimonianze dell’arte.
Nel realizzare il film come “Il pianto della statua”, qual è la prima cosa che hai deciso era da evitare e quale la prima da fare assolutamente?
Volevo evitare ogni retorica, e al tempo stesso ricreare l’atmosfera del “teatro sacro”, grazie anche alle voci straordinarie di Anna Bonaiuto e di Toni Servillo. Con il braccio lungo del dolby abbiamo ripreso le statue da una prospettiva “alta” che non corrisponde al vedere naturale. Era un’idea chiara fin dall’inizio, una visione impossibile per un comune spettatore. E l’effetto, per il consueto principio dell’eterogenesi dei fini, è stato fulminante. E’ emersa una sacralità d’immagine che altrimenti sarebbe forse andata persa. Ma questi sono discorsi seri, inadatti a questo contesto. In fondo siamo su un’astronave: non è un luogo sacro, no? O forse sì: lo spazio intergalattico potrebbe rivelarci, che so, l’esistenza di un Olimpo alieno. Si sa poi che il vino, anche se non bevuto di fatto ma solo in sogno, incoraggia gli esperimenti mentali.
Realizzi con successo un’altra cosa da otto anni: la Milanesiana.
Quest’anno 2007 aveva un tema quanto mai impegnativo: l’Assoluto.
Devi assolutamente dire quale ritratto è venuto fuori dell’Assoluto ai nostri giorni da tanti interventi assolutamente prestigiosi sull’Assoluto… non è che l’Assoluto sarà mica relativo?
“Assoluto” è, in apparenza, un concetto a senso unico. Si oppone al “Relativo”, come in una coppia dialettica di opposti. E di Assoluti ce ne sono tanti: Assoluto del mondo occidentale, del nostro mondo, cioè il liberalismo, la democrazia, oppure Assoluto del mondo musulmano, cioè l’Islam con la sua cultura specifica e le sue forme di vita. Assoluto è ciò che genera da una parte l’intolleranza, e questo è ovviamente un fattore inaccettabile, ma è anche ciò in cui crediamo fortemente, l’identità in cui ci riconosciamo da sempre perché configura lo schema del vivere occidentale. Assoluto è una parola-chiave, un grande simbolo che denota tutto ciò che gli uomini pensano e credono con tenacia, con l’urgenza delle cose ultime. E c’è poi chi, come il mio amico Luciano Emmer, vede nell’Assoluto il “suo” relativo, lo slancio della sua forsennata soggettività di eterno adolescente. Il mondo delle idee è davvero vario, come la vita.
D - Non t’illudere di lasciare quest’astronave senza avere risposto a qualche domanda sull’editoria.
Mi piace ricordare che sei la direttrice editoriale che per prima ha aperto un forum in cui colloquia con i lettori. Qual è la cosa che ti fa venire la scarlattina in un testo che ti viene proposto?
La scarlattina di cui parli mi viene quando debbo constatare che per molti la scrittura non è quello che invece è e deve essere: una forma di rispetto di se stessi e degli altri. Nel mio forum, comunque, i lettori trovano un’oasi di libertà, e questo è un dato confortante. Ad ogni modo, io sono una sostenitrice dell’acqua. Favorisce bellissime visioni a occhi aperti. Il mio forum è insomma immerso nelle acque, e non quelle del Diluvio, beninteso.
Rispetto agli altri paesi europei il management editoriale in Italia è competitivo oppure no?
La concentrazione editoriale, lungi dallo svuotare la competizione, la accresce. E competere significa vivere: il vecchio Darwin docet. E’ giusto che sia così. In fondo, anche la vita editoriale è una bella partita a scacchi: il campione Kasparov, che è stato ospite della Milanesiana di quest’anno, sottoscriverebbe in pieno questo parere.
Prima di lasciare i miei ospiti di questa taverna spaziale, li costringo crudelmente a fare una riflessione su Star Trek, non necessariamente elogiativa… che cosa rappresenta quel videomito nel tuo immaginario? Ammesso che qualcosa rappresenti, s’intende…
Quello che mi ha sempre colpito è l’idea “tecnologica” di fondo della serie. Che ci si possa spostare scomponendo e ricomponendo gli atomi del nostro corpo in un nanosecondo. Sarebbe l’ideale per velocizzare gli appuntamenti editoriali, non trovi? Un battito di ciglia e, puf: dalla fiera di Londra a quella di Francoforte, e tutto molto più in fretta, svuotato dalle scorie inutili. Ma sarebbe necessaria anche una parallela contrazione del tempo. Un effetto “Matrix”, direi.
Siamo quasi arrivati a Sgàrbya, pianeta abitato da alieni monoteisti che adorano una sola divinità chiamata ES… se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l’intervista, anche perché è finita la bottiglia di Barbera d'Alba doc 2004 di Ermanno Costa consigliata da Nicola Batavia del ristorante “ ‘L Birichin” di Torino… Però torna a trovarmi, io qua sto… intesi eh?
Non ho ancora messo a punto la nuova tavola dei dieci comandamenti, ma al più presto ne farò avere delle copie laser ai miei fedeli. Che la forza sia con voi. Questa battuta è di “Guerre stellari”, però siamo sempre in famiglia.
Vabbè, ti saluto com’è d’obbligo sull’Enterprise: lunga vita e prosperità!

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuta.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Elisabetta Sgarbi

 

commenti presenti

Gradirei sapere com'è possibile vederere Il pianto delle statue. Sono previsti passaggi su qualche Rete Tv. Saluti. Occhio di Falco

inviato da Occhio di Falco
 

intrervista frizzante, intelligente. Complinenti! Marta Ferretti

inviato da Marta Ferretti
 

La Sgarbi è bravissima nel farsi capire sia che parli di cinema, di editoria o di se stessa. Ottima idea quella di farcela conoscere meglio. federico colantuono

inviato da federico colantuono
 

Francamente mi lascia perplessa l'affermazione "La concentrazione editoriale, lungi dallo svuotare la competizione, la accresce". Com'è possibile? A me pare, invece, che strozzi ogni tentativo sul nuovo. Posso avere dalla Signora Sgarbi una delucidazione al proposito? Grazie. marisa de santis

inviato da marisa de santis
 

Tempo fa (molti molti anni fa) volevo fare la mia tesi di laurea sui "Compianti" poi la cosa prese altre strade e scelsi un altro tema. Leggere che ne è stato fatto un film, mi ha emozionato. Franco De Mauro

inviato da Franco De Mauro
 

la milanesiana è una delle poche cose giuste e di valore(specie in questi ultimi anni) che ancora si fanno a milano. Intorno parecchio buio. madonnina piangente

inviato da madonnina piangente
 

Avrei gradito sentire rivolgere alla Sgarbi una domanda che non c'è.Gliela favccio io. Quali sono i criteri di scelta della Sgarbi nello scegliere i testi da pubblicare per la Bompiani? paola ridolfi

inviato da paola ridolfi
 

...la concentrazione editoriale comeaccrescimento della competizione culturale? E come, di grazia? Giorgio Terlizzi

inviato da Giorgio Terlizzi
 

Quanti nomi importanti hanno scritto i testi per quel film! Come avrà fatto la Sgarbi a tenerli insieme, è da ammirare. cinzia de fanti

inviato da cinzia de fanti
 

Grazie davvero, anzitutto, dei commenti e dell'interesse. Il Pianto della statua si potrà vedere a Ferrara, il 17 dicembre, al Teatro Comunale, in una anteprima nazionale promossa dalla Regione Emilia Romagna. Trovate le notizie sul mio sito: www.elisabettasgarbi.it. Poi nel 2008 si lavorerà a un dvd. Quanto al tema delle concentrazioni editoriali, è vero, è espresso in modo ellittico perché parlando dall'interno ho dato per scontato una serie di dinamiche editoriali che, peraltro, sono ben riassunte nell'articolo di Stefano Salis su Il sole24 ore (supplemento domenicale), di domenica 14 ottobre: "Gli editori italiani sono i più competitivi a Francoforte, anche a causa della concorrenza tra marchi di uno stesso gruppo (leggi: concentrazioni editoriali). A gongolare sono gli agenti letterari." elisabetta sgarbi

inviato venerdì 26 ottobre 2007 da elisabetta sgarbi
 

Grazie davvero, anzitutto, dei commenti e dell'interesse. Il Pianto della statua si potrà vedere a Ferrara, il 17 dicembre, al Teatro Comunale, in una anteprima nazionale promossa dalla Regione Emilia Romagna. Trovate le notizie sul mio sito: www.elisabettasgarbi.it. Poi nel 2008 si lavorerà a un dvd. Quanto al tema delle concentrazioni editoriali, è vero, è espresso in modo ellittico perché parlando dall'interno ho dato per scontato una serie di dinamiche editoriali che, peraltro, sono ben riassunte nell'articolo di Stefano Salis su Il sole24 ore (supplemento domenicale), di domenica 14 ottobre: "Gli editori italiani sono i più competitivi a Francoforte, anche a causa della concorrenza tra marchi di uno stesso gruppo (leggi: concentrazioni editoriali). A gongolare sono gli agenti letterari."

inviato da Elisabetta Sgarbi
 

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Arti visive

 

Altan
Giovanni Bai
Tatiana Bazzichelli
Gabriella Belli
Billi Bilancioni
Rossana Bossaglia
Maria Campitelli
Piero Cavellini
Chiara Caracci
Piermario Ciani
Claudio Cravero
Raimondo Del Prete
Marco Delogu
Derrick de Kerckhove
Arianna Di Genova
Stefano Disegni
Pablo Echaurren
Vittorio Fagone
Giosetta Fioroni
Simone Frasca
Matteo Guarnaccia
Sandra Lischi
Teresa Macrì
Marco Marcon
Barbara Martusciello
Francesco Monico
Annamaria Monteverdi
Renato Nicolini
Franziska Nori
Luca Patella
Lorenzo Pezzatini
Fabrizio Plessi
Elisabetta Prando
Carmelo Romeo
Franco Santini
Antonella Sbrilli
Luigi Serafini
Elisabetta Sgarbi
Maria Rosa Sossai
Mino Trafeli
Luciano Trina
Marina Vergiani
Lea Vergine
William Xerra
Istvàn Zimmermann

Archivio completo