In questo numero
a bordo Micromega  
     
COmmenta Commenta l'intervento
di Antonella S.Martini
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Sotto una stella crudele  
     
Newsletter
Newsletter

Sigh Heil

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Storia d’O  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar KOO – Koop Oscar Orchestra  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L'ospite accanto a me è Antonella Stefania Martini. Scrittrice e sceneggiatrice.
Antonella si è misurata prevalentemente con il "giallo" attraverso una scrittura che fa irrompere sulla pagina echi e ritmi del fumetto e del videoclip.
Uno dei suoi racconti, "Il sogno di Andrew", scritto con F.P. Bellisà, segnalato al Concorso Nazionale di Fantascienza di San Marino, è inserito in un'antologia dal titolo "Le Ali dell'Impero", edita dalla casa editrice Il Cerchio - Iniziative Editoriali
Collabora con la rivista "Storie" http://www.storie.it, con il Magazine elettronico Picwick http://www.pickwick.it e la trovate anche sul sito di Stampa Alternativa dove c'è pure un suo piccolo scoop: la scoperta d'un plagio letterario.
Tra le sue più recenti pubblicazioni di cui ho notizia c'è il racconto "L'odore della morte" che si trova nell'antologia "L'uomo nel cerchio", supplemento a "M Rivista del Mistero" presentata nell'ambito della X edizione del Noir al Festival di Courmayeur dove è stato reso omaggio al grande Carlo Jacono, storico illustratore dell'editoria "gialla" italiana www.mondonoir.it/jacono.
La Rai l'ha selezionata per un corso di sceneggiatori molto esclusivo, ma di questo parleremo dopo fra un bicchiere e l'altro.
Se ne volete sapere di più, cliccate sulla sua home page: http://www.alosi.it/scrittori/martini

 

Benvenuta a bordo, Antonella …
Grazie Armando, sono salita quassù volentieri…so già che sei uno che sa scegliere il vino buono.
Voglio farti assaggiare questo Barbera d'Alba Parduné di Enrico Serafino…qua il bicchiere.
Adesso ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero "è un bel manico", però noi nello spazio stiamo, schizziamo "a manetta", prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra il tuo ritratto…
Aspetta, prima devo assaggiare il vino…uhm…buono! Ecco, dunque, dicevamo? Ah sì l'autoritratto, ci provo.
Sono un'appassionata di buone letture: dalla classica a quella di genere, con una spiccata preferenza per quest'ultima. Mi piace molto anche andare al cinema e godermi una storia purché sia scritta in modo intelligente, impreziosita da personaggi interessanti che mi svelino un pizzico di vita diversa dalla mia, o anche una delle tante verità nascoste disperse in giro per il mondo.
Poi nel corso del tempo ho scoperto che mi piaceva anche raccontare delle storie e così ho cominciato a scrivere.
Che cos'è secondo te che distingue il traguardo espressivo della narrativa gialla dalle altre forme letterarie, oggi?
La narrazione gialla ha una struttura forte; racconta una storia collocandola in uno spicchio, che fa anche da specchio, della nostra società. Uno specchio del quale noi tutti abbiamo un po' paura, che abbiamo anche voglia di esplorare anche se da lontano.
Alcune storie di genere parlano della transizione dalla vita alla morte, raccontano i nostri timori, svelando il "lato oscuro" annidato in ognuno di noi.
I binomi: vita/morte e bene/male accattivano il lettore, lo afferrano alla gola fino a quando non è riuscito a coglierne il senso, fino a che non ha colto la verità di chi ha mosso i fili e perché.
Un buon giallo deve dare queste e molte altre cose svolgendo anche una funzione catartica. Quando eravamo bambini, con le favole, volevamo vedere come combatteva, si salvava e diventava più saggio il nostro eroe (eroina) di turno, ma avevamo bisogno di capire che cosa faceva il cattivo, magari scoprendo che qualche volta aveva fatto cose che avevamo sognato segretamente anche noi, poi subentrava il distacco: lui è il cattivo, non io, io sono buono e voglio essere come il mio eroe (eroina). Sai ho una bambina e certe letture stuzzicano…
Esiste una particolarità che distingue i giallisti italiani da quelli di altri paesi oppure no?
Sicuramente la discrepanza più netta è quella tra gli europei e gli statunitensi, questi ultimi sfornano romanzi a getto continuo. Una cosa insostenibile. Ma si dessero una calmata! Lasciassero spazio anche a noi italiani. E che diamine!…
Scherzi a parte, le particolarità si devono alle diversità culturali, religiose, politiche e giudiziarie. La differenza si sta assottigliando, ma noi abbiamo ancora le nostre sacche di resistenza, vedi i romanzi di Camilleri, Lucarelli, De Cataldo, Cappi, Pinketts, Fois, Carlotto, Montanari e così via, o ai nomi stranieri, ma in ogni modo europei.
Gli statunitensi scrivono con un occhio già puntato in direzione del cinema; sono pressati da esigenze editoriali industriali di vastissima portata. Sono delle macine organizzate che devono far vendere milioni di copie in tutto il mondo. Prendi la giallista Patricia Cornwell, per scrivere i suoi romanzi si avvale di un'équipe di parecchie persone. A me non risulta che in Italia funzioni così. Non per la letteratura, per la televisione semmai.
E poi molti personaggi usati dagli autori americani finiscono per assomigliarsi fra loro, negano i cliché ma poi tendono ad usarli. Vuoi un esempio? Be' sembrerà incredibile, ma leggendone diversi ho riscontrato che negli ultimi tempi la tendenza è quella di utilizzare donne detective omosessuali, tutte toste e burbere. Se questo non è un cliché... Noi siamo ancora a livello artigianale.
Uno dei miei autori di noir preferiti del momento, scomparso di recente, è Jean-Claude Izzo. Mi sono piaciute molto le sue storie: sprigionano molta energia, sono state scritte con passione.
E' nella letteratura oppure in altre aree che trovi oggi i lavori più interessanti nella ricerca di nuove modalità espressive?
La letteratura offre più libertà, lo scrittore oltre a tessere trame e delineare personaggi, dirige, monta e smonta, taglia, stravolge, riscrive, e quasi sempre a suo piacimento.
Anche il cinema lascia spazio alla creatività, ma il meccanismo è più complesso e prima che un film venga realizzato la storia viene maneggiata da un sacco di gente…
Per svariati motivi che non sto ad elencare da diversi anni frequento poco il teatro e me ne dispiace, ma lo ricordo come uno dei settori dove si trovano molte innovazioni, anche originali, anche se di nicchia.
N'è passato di tempo dalle paciose inchieste in b/n di Lay-Sheridan, ora da noi abbiamo eccellenti trasmissioni sui gialli di cronaca, ma - Piovra a parte, che non so se può definirsi un giallo - fiction assai fiacche, intendo quelle scritte apposta per la tv e non riduzioni di libri com'e il caso di Camilleri. Perciò a farla da padroni sono prodotti americani, tedeschi e francesi. Mancano gli autori? Quelli bravi su carta non sanno scrivere per la tv? I funzionari…pardon! i producers nostrani peccano di pigrizia?
Bisognerebbe dare spazio e fiducia agli autori giovani e di talento.
La recente Piovra 10, ad esempio, nonostante sia stata ben scritta, aveva ancora il sapore degli anni ottanta. La gente esige cose nuove e infatti qualche volta premia le fiction sui casi di cronaca o i personaggi/eroi realmente esistiti; oppure prodotti brillanti capaci di inchiodare la famiglia italiana al completo. La guerra all'audience produce cose buone, ma sfortunatamente anche cose scopiazzate - da prodotti già collaudati, quindi sicuri - così i produttori nostrani rischiano poco. Però, vorrei dire ancora una cosa, prendi i dati Auditel del 2000, una delle fiction più viste in assoluto è stata quella dedicata a Padre Pio? Be' questo fatto dovrebbe far riflettere un po' tutti.
Come ho già detto in apertura, hai partecipato ad un corso per sceneggiatori, riservato alle giovani promesse, allestito quest'anno dalla Rai. Che cosa mi dici di quell'esperienza? Credi che produrrà concrete possibilità di lavoro?
Da cinque anni la Rai organizza questi corsi, e un corso analogo esiste anche in Mediaset.
Durante il corso con il contributo di diversi insegnanti (sceneggiatori e registi), anche molto validi, ho imparato a riconoscere e gestire meglio ciò che già sapevo a livello istintivo nell'ambito della narrativa. La drammaturgia, cinematografica e televisiva, ha in comune con la letteratura, soprattutto quella di genere, l'impalcatura di una storia, ma poi rendere i personaggi credibili a livello di immagini e azioni è ben altra cosa, come lo è tenere viva una storia dal principio alla fine. Nella scrittura romanzesca si crea una complicità più intensa, più completa e intima con il lettore, attraverso l'esplorazione dei pensieri dei personaggi eccetera.
Ma torniamo al "corso Script/Rai", sì confesso mi è piaciuto, e molto.
Altro discorso sono le prospettive di lavoro.
Chi è agli esordi, continuando ad affinare il mestiere, deve accettare la gavetta, fare il dialoghista dei serial televisivi e così via, ma soprattutto deve imparare a gestirsi bene nell'ambito delle varie relazioni. Qui la nota è dolente.
E' noto che i giovani autori trovano molte difficoltà a pubblicare sulla carta stampata.
Tu pubblichi molto sul web. Ritieni che possa essere una soluzione oppure è soltanto un ripiego dovuto alla necessità?
Per gli esordienti senza santi in paradiso e che vogliono ritagliarsi un loro spazio, il Web offre tante opportunità. Se è vero che uno scrittore scrive per sé, bisogna che riconosca che lo fa anche per gli altri, insomma per farsi leggere.
Internet offre soprattutto l'opportunità di farsi conoscere.
Certo è che viaggiando su così tante autostrade telematiche si trova tutto e il contrario di tutto, stazioni con cibi succulenti, dolci, salati ma a volte persino avariati. Però dài, guarda noi, in fondo tu ed io siamo qui a chiacchierare pubblicamente…è carino, no?
Arte e Mercato. Secondo molti sono termini inconciliabili. Il tuo pensiero?
"La cugina Bette" di Balzac e "Umiliati e offesi" di Dostoevskij, tanto per citare due classici, sono stati concepiti e pubblicati come romanzi d'appendice da dare in pasto al grande pubblico dell'epoca. I best seller ottocenteschi, insomma.
Se parliamo di cinema allora citiamo un esempio nostrano recente: "La vita è bella" di Cerami e Benigni, non ti sembra un buon connubio tra arte e mercato?
Vogliamo parlare di arti pittoriche classiche? Le nostre chiese sono zeppe di splendide opere pur commissionate per svolgere la loro funzione primaria, ammonire il popolo, incutergli timore di fronte la forza di Dio e ricordargli sempre e ovunque che viveva sotto il potere della chiesa cattolica apostolica romana…Questo vino ha un gusto così…uhm, sarebbe un peccato non finirlo…
Vedo che ti stai avvicinando al portello d'uscita, so già del tuo appuntamento nello Spazio, ma hai ancora un po' di tempo. Tu hai scritto anche di fantascienza, dimmi perché da noi non c'è una letteratura di SF? Il mercato editoriale del settore è florido, ma si dice costretto a usare traduzioni per mancanza di testi italiani…per favore, niente risposte patriottiche!
Gli autori non mancano, alcuni sono anche illuminati e quindi scrivono per le grandi case editrici. Altri meno illuminati scappano prima all'estero, diventano famosi, poi tornano in Italia e pubblicano anche qui. Scherzo. In realtà questi ultimi pubblicano con editori minori.
Vorrei cogliere l'occasione per dire che delle voci aliene mi hanno raccontato che alcuni autori stranieri di narrativa di "genere" sono italiani che firmano con nomi stranieri. In passato era la regola, oggi, anche se ci sono ancora episodi analoghi, le cose sono cambiate. In fondo basta andare in libreria e verificare con i propri occhi, il mercato comincia ad essere più vivace. Forse il genere che in Italia fa più fatica a decollare è l'horror italiano.
Torniamo alla fantascienza. Io sono giovane, ma alcuni amici più grandini di me mi hanno raccontano che tanti anni fa quel tipo di letteratura non era ben visto, perché non si accettava il mito dell'eroe puro - il prescelto, pronto a salvare l'umanità - di cui una certa fetta di fantascienza era intrisa; sai, accadeva per motivi ideologici…alla fine però la leggevano quasi tutti. Ma, a proposito di eroi, e di mitologia greca, pochi mesi fa Vincenzo Cerami, ospite in un programma di Piero Angela, ha ricordato al pubblico (non ricordo le parole esatte) che se Omero fosse vivo, noi scrittori moderni saremmo stati nei guai seri.
Brecht ha detto: "Triste è quel popolo che ha bisogno di eroi." Noi li abbiamo, e poi li distruggiamo pure.
Armando…questo vino è troppo forte per me.
A tutti gli ospiti di questa taverna spaziale, prima di lasciarci, chiedo una riflessione su Star Trek… che cosa rappresenta secondo te quel videomito…
Da piccola, credo di averne visti tutti gli episodi, ho fatto anche il bis.
Pensa che nella mia prima vacanza/lavoro sono stata a Londra, ben 17 anni fa, e appena giunta lì, mi precipitai al cinema per vedere una delle prime trasposizioni cinematografiche di Star Trek. Capii la metà di quello che dicevano, me lo feci bastare.
Siamo quasi arrivati a Martynìa, pianeta del Mistero abitato da alieni che sono contemporaneamente vittime e detectives delle loro stesse storie…se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l'intervista, anche perché è finita la bottiglia di prenotare la fermata. Stoppiamo qui l'intervista, anche perché è finita la bottiglia di Barbera d'Alba Parduné di Enrico Serafino …
Mi stavo divertendo un sacco a rispondere alle tue domande. Però il viaggio è finito, il vino pure… Armando, ma…io barcollo…sarà perché siamo nello spazio, vero?… Ma che fai, apri il portellone?…ma io non voglio scendere…aspetta…addio…alla prossima…smac!
Chissà perché è scesa così di corsa…boh…ti saluto Antonella, com'è d'obbligo sull'Enterprise: lunga vita e prosperità!

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuta.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Antonella S.Martini

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Letteratura

 

Paolo Albani
Edoardo Albinati
Gualberto Alvino
Lello Aragona
Simone Barillari
Ginevra Bompiani
Errico Buonanno
Nanni Cagnone
Andrea Camilleri
Andrea C.Cappi
Maria T.Carbone
Raffaele Carcano
Massimo Carlotto
Marco Cassini
Franco Cavallo
Ermanno Cavazzoni
Francesca Colosi
Raffaele Crovi
Guido Davico Bonino
Caterina Davinio
Giovanni De Luna
Paolo della Bella
Marcello D'Orta
Marco Dotti
Brunella Eruli
Maurizio Ferraris
Giulio Ferroni
Anna Foa
Giovanni Fontana
Andrea Franceschetti
Gabriele Frasca
Daria Galateria
Raoul Giordano
Fabio Giovannini
Alberto Gozzi
Daniela Guardamagna
Franco La Polla
Filippo La Porta
Vivian Lamarque
Sergio Lambiase
Anna Lavatelli
Mario Lunetta
Valerio Magrelli
Luigi Malerba
Giovanni Mariotti
Antonella S. Martini
Francesca Mazzucato
Italo Moscati
Francesco Muzzioli
Giuseppe Neri
Giulia Niccolai
Paolo Nori
Maria Pace Ottieri
Tommaso Ottonieri
Roberto Pasanisi
Mauro Pedretti
Sandra Petrignani
Gloria Piccioni
Felice Piemontese
Lamberto Pignotti
Renata Pisu
Michele Rak
Fabrizia Ramondino
Giampiero Rigosi
Jacqueline Risset
Giuseppe Aldo Rossi
Franca Rovigatti
Giampaolo Rugarli
Federico Sabatini
Vincenzo Sarcinelli
Marino Sinibaldi
Afro Somenzari
Elena Stancanelli
Domenico Starnone
Alda Teodorani
Gianni Toti
Pietro Trifone
Nicoletta Vallorani
Giuseppe Varaldo
Sergio Zuccaro

Archivio completo