In questo numero
a bordo Micromega  
     
COmmenta Commenta l'intervento
di Giampiero Rigosi
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Vivere insieme (1)  
     
Newsletter
Newsletter

Sigh Heil

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Storia d’O  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar KOO – Koop Oscar Orchestra  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L'ospite accanto a me è Giampiero Rigosi. Autore di romanzi e racconti, scrive anche per il cinema, per il teatro, e se ne registrano alcune incursioni da paroliere. E' tra i redattori d'Incubatoio 16, rivista di letteratura online coordinata da Carlo Lucarelli e Roberto Ossani, per saperne di più cliccate coraggiosamente su: http://www.studioprogetto.net/incubatoio16
Nel 1995, è uscito il suo primo romanzo, Dove finisce il sentiero. Nel 1996, ha pubblicato la raccolta di racconti Chiappe da apache, entrambi stampati da Theoria.
Nel 1998, con la casa editrice Moby Dick, un suo nuovo titolo Come le nuvole sopra Veracruz.
E ancora nel 1998, Moby Dick ha pubblicato il racconto a tema musicale dal titolo "Hallucinations", dal quale è stato tratto lo spettacolo teatrale "Ballads", ora disponibile su CD ("Storie di jazz", Moby Dick, Faenza, 1999). Nell'ottobre del '99, per ADN Kronos, esce il romanzo Lola a caccia.
La sua più recente prova narrativa è Notturno bus, presso Einaudi.
Per più ampie notizie: www.hemingway.it/rigosi.htm e www.cyrano.it/scrittore.htm
Giampiero è salito quassù provenendo dall'Arboreto di Mondaino dove ha tenuto un corso di scrittura per il cinema. Dove si trova l'Arboreto? Nella Valle del Conca, a pochi chilometri da Riccione. Una residenza creativa di nove ettari di parco con due boschi, uno stagno, e, mi dicono, non le ho contate, 5.780 piante. Dentro e attorno alla natura: due case foresteria, sale per incontri, prove, corsi e percorsi fra arte comunicazione natura. Cliccate su www.mondaino.com e ne saprete di più su quel progetto che ospita seminari teatrali, laboratori musicali, stage di danza, e altri impegnativi programmi.

 

Benvenuto a bordo, Giampiero…
Lunga salute a tutti
Voglio farti assaggiare questo Cabernet Colle Funaro '97 dell'Azienda Orlandi Contucci Ponno…qua il bicchiere…ecco fatto.
Adesso ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero "è un bel manico", però noi nello spazio stiamo, schizziamo "a manetta", prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra il tuo ritratto…
Il mio ritratto dici…be', per i navigatori della rete, mi pare che da qualche parte ci siano perfino un paio di mie foto consultabili. E io - credimi sulla parola - non sono così appassionato dalla menzogna virtuale da diffondere dati fasulli…
Sì, i navigatori possono trovare le foto in uno dei links che ho dato prima…peggio per loro!
Posso aggiungere che sono nato negli anni Sessanta, sotto il segno dei pesci. Mi piace cucinare, mangiare bene e, ovviamente, bere dell'ottimo vino. Oltre che a scrivere (almeno lo spero), me la cavo anche a guidare, e per diversi anni ho sbarcato il lunario grazie a questa capacità. Ovviamente mi piace viaggiare…altrimenti non sarei qui. Può bastare?
Partiamo dal tuo corso di scrittura per il cinema che hai tenuto mesi fa a Mondaino.
Dalla celluloide alla cellulosa: la prima cosa da fare, la prima cosa da evitare…
Il primo consiglio che potrei dare a chi volesse scrivere per il cinema è che ci si deve sforzare d'immaginare la storia che si intende raccontare per scene. Infatti si può rivelare l'animo di un personaggio solo attraverso l'osservazione del suo modo di agire e di rapportarsi con gli altri personaggi del film. Il secondo consiglio è che, per fare questo, dovremo imparare a conoscere, dei personaggi che metteremo in scena, anche tutto ciò che non potremo mostrare: la loro interiorità, il loro passato, i loro dubbi, i loro sentimenti, i loro sogni segreti.
Che cos'è secondo te che dovrebbe distinguere il traguardo espressivo della letteratura dalle altre forme di comunicazione artistica, oggi?
Penso che ci siano soprattutto delle differenze fondamentali nella modalità di fruizione, che contraddistinguono la letteratura dalle altre forme di comunicazione artistica. E sono la necessità di mettere in gioco la fantasia e la creatività del lettore, la riflessione, la lentezza della fruizione stessa.
In quali aree credi ci siano i lavori più interessanti nella ricerca di nuove modalità espressive?
Mi pare che, dopo le esplorazioni estreme del Novecento e la vertigine che ne è derivata, con il conseguente timore-tentazione di un'afasia definitiva, in tutte le arti ci sia stata una rivalutazione del sapere artigianale e un'ibridazione dei linguaggi, che ha portato a un sano e vitale meticciato artistico, di cui la multimedialità, la rivisitazione del patrimonio etnico e il concetto di postmoderno sono solo alcune delle possibili espressioni.
Borges ha detto che tutta la grande letteratura ha un debito con il giallo.
Come interpreti questa considerazione, e come la esemplificheresti ai miei avventori?
Posso solo dire che io, come scrittore, ho senz'altro un debito altissimo nei confronti delle torbide suggestioni del noir e, ancora di più, dei meccanismi narrativi del poliziesco, che mi hanno insegnato a gestire la 'messa in scena', a calibrare i ritmi del racconto e gli effetti che si intendono ottenere sul lettore. Poi sono convinto che, come in tutte le espressioni dell'uomo - dallo sport alla meditazione - anche nello scrivere venga il momento di dimenticare ciò che si è imparato. Potrei dire, alla maniera zen: di scoccare la freccia a occhi chiusi. Borges sapeva farlo. Per quanto riguarda me, staremo a vedere.
Il giallo e il noir: una tua definizione della differenza tra questi segnali non solo cromatici…
Il giallo è un racconto che si basa sulla fiducia di poter risolvere gli enigmi, grazie all'uso della ragione, dei muscoli, o della forza di volontà. Il noir narra un mondo tristemente molto più simile a quello in cui viviamo. Un mondo in cui la verità quasi mai trionfa, in cui le cose non si riaggiustano e nulla ritorna mai più come prima. Un mondo in cui i segni sono un labirinto in cui è facile perdersi, e a volte non significano nulla.
Molti linguisti affermano che la Rai ha divulgato, unificandola, la lingua italiana nei nostri stessi confini. La Rai, ansiosa, si presenta al tuo esame. La promuovi oppure no?
Per quel che mi riguarda, no: insufficienza piena, tranne per alcuni programmi che, purtroppo, hanno influenzato ben poco i già rarissimi spettatori. Ma che la Rai e la televisione abbiano divulgato, unificandola, la lingua italiana, è in parte vero. Soltanto che, vista la lingua che ne è emersa, considero questo tutt'altro che una conquista.
Hai collaborato alla progettazione e alla realizzazione di programmi multimediali interattivi d'apprendimento su CD-rom per bambini e adolescenti. Sei il tipo giusto per la domanda che segue.
Il web in quale direzione va trasformando la lingua?
Temo che in generale la stia impoverendo. Il web, che richiede rapidità, obbliga a una sintesi, che a volte può essere salutare (rispetto alla lungaggine di certe divagazioni compiaciute di se stesse) ma che in generale disabitua (o tende a farlo) alla pazienza, all'analisi, al piacere del testo. Anche se, ovviamente, ci sono le debite eccezioni. Questa vineria è una di quelle.
Come ho ricordato in apertura, hai prodotto testi teatrali e anche visto tradotta quell'esperienza in forma digitale.
L'arte elettronica, la vedi come una smaterializzazione del corpo fisico delle arti così come le conoscevamo? Oppure una mutazione genetica?
Mi sembra che, nel migliore dei casi, si tratti solo di un nuovo mezzo con cui esprimersi. Non credo che eliminerà gli altri (forse li modificherà, in parte), e penso che ci sia ancora molto da scoprire riguardo alle sue possibilità.
Visto che siamo in tema, parliamo di Arte e Scienza.
"Il futuro apparterrà più agli artisti o agli scienziati?" si è chiesto Pierre Lévi. La tua risposta?
Che domanda difficile. Io guardo ciò che mi sta attorno, e cerco di raccontare quel che vedo. Di fronte a questi quesiti mi spavento, mi vengono in mente i tuttologi del Costanzo show…
So bene che non appartieni a quella genìa…
…Cosa vuoi che ti dica? Secondo me, il futuro non apparterrà né agli uni né agli altri. Il futuro prossimo - che è quello che abbiamo più o meno sotto gli occhi - appartiene, purtroppo, alle enormi corporazioni economiche, che gestiscono buona parte delle scelte politiche mondiali, con buona pace delle popolazioni che rimangono schiacciate nei meccanismi. A meno che non si vogliano considerare queste corporazioni degli organismi scientifici. Ma lo considererei un serio insulto alla scienza.
A tutti gli ospiti di questa taverna spaziale, prima di lasciarci, infliggo una riflessione su Star Trek… che cosa rappresenta quel videomito nel nostro immaginario?
A me ST ricorda soprattutto i tempi, ormai lontani, in cui passavo giornate intere con alcuni amici, divoratori insaziabili, come me, di libri, film e musica. Il nostro punto di ritrovo era la casa di uno di questi, che è poi quello che mi ha fatto conoscere ST. Ancora adesso, in quel piccolo salotto dove trascorremmo un numero interminabile di ore, ha una foto di Spok che scattammo assieme alla tele, con ausilio di reflex e cavalletto. Ecco, ST mi fa tornare alla mente quei giorni e quel mio amico, che mi fece conoscere l'Enterprise, Jodorovski, e un milione di altre cose. Forse non ho risposto alla domanda… però quel che ho detto viene dal cuore.
Siamo quasi arrivati a Rigòsya, pianeta dove è tutto noir pure a mezzogiorno, abitato da alieni, viaggiatori abusivi di linee notturne, che conducono tutte verso un malfamato Incubatoio…se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l'intervista, anche perché è finita la bottiglia di Cabernet '97 Colle Funaro dell'Azienda Orlandi Contucci Ponno…Però torna a trovarmi, io qua sto…intesi eh?
Tornerò senz'altro, e molto volentieri… soprattutto se mi offrirai un buon bicchiere come questo che ho bevuto.
Promesso. Ti saluto com'è d'obbligo sull'Enterprise: lunga vita e prosperità!

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuto.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Giampiero Rigosi

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Letteratura

 

Paolo Albani
Edoardo Albinati
Gualberto Alvino
Lello Aragona
Simone Barillari
Ginevra Bompiani
Errico Buonanno
Nanni Cagnone
Andrea Camilleri
Andrea C.Cappi
Maria T.Carbone
Raffaele Carcano
Massimo Carlotto
Marco Cassini
Franco Cavallo
Ermanno Cavazzoni
Francesca Colosi
Raffaele Crovi
Guido Davico Bonino
Caterina Davinio
Giovanni De Luna
Paolo della Bella
Marcello D'Orta
Marco Dotti
Brunella Eruli
Maurizio Ferraris
Giulio Ferroni
Anna Foa
Giovanni Fontana
Andrea Franceschetti
Gabriele Frasca
Daria Galateria
Raoul Giordano
Fabio Giovannini
Alberto Gozzi
Daniela Guardamagna
Franco La Polla
Filippo La Porta
Vivian Lamarque
Sergio Lambiase
Anna Lavatelli
Mario Lunetta
Valerio Magrelli
Luigi Malerba
Giovanni Mariotti
Antonella S. Martini
Francesca Mazzucato
Italo Moscati
Francesco Muzzioli
Giuseppe Neri
Giulia Niccolai
Paolo Nori
Maria Pace Ottieri
Tommaso Ottonieri
Roberto Pasanisi
Mauro Pedretti
Sandra Petrignani
Gloria Piccioni
Felice Piemontese
Lamberto Pignotti
Renata Pisu
Michele Rak
Fabrizia Ramondino
Giampiero Rigosi
Jacqueline Risset
Giuseppe Aldo Rossi
Franca Rovigatti
Giampaolo Rugarli
Federico Sabatini
Vincenzo Sarcinelli
Marino Sinibaldi
Afro Somenzari
Elena Stancanelli
Domenico Starnone
Alda Teodorani
Gianni Toti
Pietro Trifone
Nicoletta Vallorani
Giuseppe Varaldo
Sergio Zuccaro

Archivio completo