Cosmotaxi
Cosmotaxi Elements di Quodlibet  
     
Newsletter
Newsletter

Sigh Heil

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Storia d’O  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar KOO – Koop Oscar Orchestra  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 

L'ospite accanto a me è Brunella Eruli. Ordinaria di Letteratura francese all'Università di Salerno, vive tra Firenze e Parigi, per la felicità dei fiorentini e dei parigini. Ha scritto diversi, e importanti, libri, ne accennerò appresso. Con il suo fisico da nuotatrice di fondo, raggiunge con poderose bracciate le pagine di prestigiose redazioni: da "Puck" periodico internazionale del teatro di figura, a "Rivista di letterature moderne e comparate", ne dovrei citare altre ma mi fermo qui, non ho tanto fiato e rischio d'affogare. Ma due tuffi nella sua produzione me li posso ancora permettere. E' un'attenta osservatrice del teatro di ricerca e vi anticipo che presto leggeremo un suo libro al riguardo; fa parte da sempre dell'Oplepo, gemello italiano dell'Oulipo, chi volesse saperne di più clicchi www.oplepo.it .
Ci siamo incontrati a Capri, in occasione d'un convegno dell'Oplepo e proprio sui temi lì dibattuti verte quest'intervista, attraverso la quale spero di rendere un ritratto delle pubbliche virtù eruliane. Dei vizi privati, ne parleremo un'altra volta.
Ed ecco a voi la Eruli, Zarina e Papessa del Collegio Patafisico milanese e Reggente del Collège de Pataphysique per la cattedra di Monstrosofia Esibitoria.

 

Benvenuta a bordo, Brunella…
Ciao Armando, come stai?
Come si sta quando s'incontra la Eruli: benissimo!
Voglio farti assaggiare questo Valpolicella Santepietre di Lamberti …qua il bicchiere…ecco fatto. Senti mo': il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero "è un bel manico", però noi nello spazio stiamo, schizziamo "a palla", la cosa che sto per dirti io l'ho già fatta minuti fa, anche tu, in poche battute, trasmetti sulla Terra il tuo ritratto…no, non fare quegli scongiuri!…ci sto pur'io su 'sto tram…mica m'auguro che…
Considero che la percezione richiede partecipazione. Cerco di percepire e di partecipare.
Hai pubblicato tanto sui movimenti di ricerca, lo ricordo ai miei avventori: da "Percorsi dell'avanguardia" per Pacini nel '92, ad "Attenzione al potenziale!" per l'editore Nardi nel '94, a "L'obiettivo e la parola" edito nel '96 da Slatkine-ETS.
Qual è per te l'importanza dell'Oulipo nello scenario del XX secolo? Illuminaci.
Credo che l'Oulipo sia un modo per riappropriarsi della dimensione creativa, uscendo da quella del consumo, sia pure culturale, che considero deleterio quanto l'altro. Quando vedo lunghe code per entrare ad una mostra, sono assalita da due opposte reazioni: una che dice, beh, tutto sommato il gusto del pubblico é cambiato; ma l'altra mi dice: perché queste persone fanno la coda per vedere Picasso, ma non s'interessano ai Picasso di oggi, non sanno riconoscerli, non gliene importa niente. Vogliono il marchio di fabbrica, il bollo dei critici, il prezzo del mercato. La sicurezza dell'investimento del loro tempo e non si rendono conto che investono moneta svalutata. Allora credo che con l'Oulipo, l'Oupeinpo, o altri "po" lo spettatore esca dal suo ruolo passivo ed entri in un circuito in cui deve per forza attivarsi e ricavare una soddisfazione che deriva non dal consumo culturale ( mi sono messo nel cervello il vestito giusto) ma dalla scoperta di un gioco personale, che non ha neppure bisogno di essere esteriorizzato. Pensa a Duchamp che ha raccontato a tutti che non faceva più niente che aveva abbandonato l'arte e che invece in gran segreto lavorava ad una installazione misteriosa, ma sulla quale ha lavorato vent'anni. Ha fregato tutti i critici!
Tutto sommato credo che quando uno é in una situazione di attività mentale é anche più contento e forse anche più bello. Quindi il mio interesse per l'Oulipo é estetico in questo senso che ho appena detto
Creare ri-creando, esistono precedenti?
Tutta la letteratura é ri-creazione. Dialogo a distanza, regolamenti di conti a distanza . Ricordati di quando Machiavelli diceva che durante il giorno le cose della vita pratica lo prendevano, ma che la sera parlava con Cicerone, Orazio, da pari a pari.
Il Rinascimento ha "ricreato" Roma e Atene
Sei una studiosa di Jarry, al quale hai dedicato "Jarry, i mostri dell'immagine" pubblicato da Pacini nell'82. Quali tracce patafisiche si rinvengono nell'Oulipo?
L'abolizione della concezione della letteratura come ossequio ad un canone. Per i patafisici qualsiasi testo é "buono" nel senso, che, come diceva Jarry, tutto dipende da quello che ognuno di noi sa farne. Amo molto una definizione di Jarry : "il genio funziona come lo stomaco dello struzzo che frantuma, digerisce, trasforma, qualsiasi materiale e ne fa altro". Allo struzzo ho dedicato un saggio per il volume Jarry 2000 pubblicato dalla Ubulibri, nel 2000 appunto, in occasione dei Polacchi messi in scena da Marco Martinelli per il Ravenna Teatro. Quello scritto l'ho chiamato Paesaggio romagnolo con struzzi
L'elemento che permette agli oulipiens d'intrecciare, felicemente, letteratura e matematica?
L'idea che, nonostante tutto, il caso e la necessità riescono a coesistere e a stupirsi reciprocamente.
…e visto che siamo in argomento, una domanda che molto m'interessa: come credi che si svilupperà il rapporto arte-scienza?
Per quanto riguarda la scienza attendo molto dalle neuroscienze che dovrebbero allargare l'esperienza che abbiamo di noi stessi ma anche delle cose. Per quanto riguarda la tecnologia, temo che gli artisti siano come bambini nel negozio di giocattoli e che si siano buttati sugli effetti . Oggi se non ci sono proiezioni, almeno trenta video, laser e quant'altro, non ci si mette nemmeno al lavoro. Forse per questo ho molto apprezzato l'idealista magico del teatrino Clandestino dove vengono ricostruite dal vero le prime esperienze sull'elettricità. La scena è illuminata solo da qualche candela e dalle scintille faticosamente ottenute girando macchinari ricostruiti.
Dei tuoi interessi teatrali, ho già detto. Sei la signora adatta per sanare un tormento che inquieta le mie notti. Sai che faccio?…te lo espongo. Mi pare che accanto ai trionfi realizzati dall'Oulipo in prosa e poesia, accanto all'influenza avuta sulle arti visive e la performance, non si siano avuti in teatro risultati di rilievo…la commedia combinatoria, il teatro booleano teorizzati da Le Lionnais…sì, però…in Italia ricordo un felice adattamento degli Esercizi di Stile dovuto a Gigi Angelillo, Ludovica Modugno e Francesco Pannofino…d'accordo, ma c'è dell'altro?
A proposito dello spettacolo che hai ricordato, in occasione del convegno "Attenzione al Potenziale" da me organizzato, ho persuaso Gigi Angelillo e Ludovica Modugno a fare gli esercizi di stile su un autobus di linea a Firenze.
Esiste l'outrapo, cioè il teatro potenziale. Esistono dei testi aleatori di Jacques Jouet.
Lo stato del teatro di ricerca in generale non mi pare incline a tante spericolatezze.
A tutti gli ospiti di questa vineria spaziale, prima di lasciarci, chiedo una riflessione sul mito di Star Trek…che cosa rappresenta secondo te…
Addomesticare il tempo.
Siamo quasi arrivati a Erulya, pianeta ridente e aprico, capricciosamente incastrato nella Galassia, abitato da alieni erulionologhi che, felici, s'ineruliano tutto il tempo eruliando da mane a sera…se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l'intervista, anche perché è finita la bottiglia di Valpolicella Santepietre di Lamberti. Però torna a trovarmi, io qua sto…
La prospettiva di imbattermi in un pianeta abitato solo da erulionologhi non é di mio gusto. Non si potrebbe scendere in un pianeta un po' più variegato?
Ehm…beh…sì!…m'hanno parlato di Adolgysyo dove t'accoglierebbero credo a braccia aperte.
Vacci, te lo dico così…disinteressatamente. Se vuoi, Picard ci fa una discesa…per il momento, ti saluto com'è d'obbligo sull'Enterprise: lunga vita e prosperità !

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuta.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Brunella Eruli

 

commenti presenti

Non conoscevo questa saggista. Ottima! Voglio cercare i suoi lbri secondo le segnalazioni del presentatore. A proposito, ho visto un tuo spettacolo a Reggio Emilia tempo fa. Bellissimo! Circa la Eruli, ecco una che dice cose fuori dal coro, intelligenti, importanti. Aloha a tutti. Carlo

inviato da carlo sebastiani
 

Gentile Armando, ho appena saputo che Brunella non c'č pił. La malattia che la tormentava da tempo l'ha portata via, chissą se su uno di quei pianeti di cui avete parlato nell'intervista... Oltre a essere una brava studiosa, divertita e curiosa, Brunella era una bellissima persona, gentile e accogliente, attenta e partecipe. Mancherą a me, ma immagino che mancherą a tutti coloro che hanno avuto il piacere di incontrarla e apprezzarla. Ada

inviato da Ada De Pirro
 

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Letteratura

 

Paolo Albani
Edoardo Albinati
Gualberto Alvino
Lello Aragona
Simone Barillari
Ginevra Bompiani
Errico Buonanno
Nanni Cagnone
Andrea Camilleri
Andrea C.Cappi
Maria T.Carbone
Raffaele Carcano
Massimo Carlotto
Marco Cassini
Franco Cavallo
Ermanno Cavazzoni
Francesca Colosi
Raffaele Crovi
Guido Davico Bonino
Caterina Davinio
Giovanni De Luna
Paolo della Bella
Marcello D'Orta
Marco Dotti
Brunella Eruli
Maurizio Ferraris
Giulio Ferroni
Anna Foa
Giovanni Fontana
Andrea Franceschetti
Gabriele Frasca
Daria Galateria
Raoul Giordano
Fabio Giovannini
Alberto Gozzi
Daniela Guardamagna
Franco La Polla
Filippo La Porta
Vivian Lamarque
Sergio Lambiase
Anna Lavatelli
Mario Lunetta
Valerio Magrelli
Luigi Malerba
Giovanni Mariotti
Antonella S. Martini
Francesca Mazzucato
Italo Moscati
Francesco Muzzioli
Giuseppe Neri
Giulia Niccolai
Paolo Nori
Maria Pace Ottieri
Tommaso Ottonieri
Roberto Pasanisi
Mauro Pedretti
Sandra Petrignani
Gloria Piccioni
Felice Piemontese
Lamberto Pignotti
Renata Pisu
Michele Rak
Fabrizia Ramondino
Giampiero Rigosi
Jacqueline Risset
Giuseppe Aldo Rossi
Franca Rovigatti
Giampaolo Rugarli
Federico Sabatini
Vincenzo Sarcinelli
Marino Sinibaldi
Afro Somenzari
Elena Stancanelli
Domenico Starnone
Alda Teodorani
Gianni Toti
Pietro Trifone
Nicoletta Vallorani
Giuseppe Varaldo
Sergio Zuccaro

Archivio completo