In questo numero
a bordo Micromega  
     
COmmenta Commenta l'intervento
di Edoardo Albinati
 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Elements di Quodlibet  
     
Newsletter
Newsletter

Sigh Heil

 
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Storia d’O  
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar KOO – Koop Oscar Orchestra  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
Segnalato su Webtrekitalia - Portale di cultura Trek

L’ospite accanto a me è Edoardo Albinati. Scrittore. Poeta e narratore, due definizioni che qui non indicano entità fra loro separate perché, per ritmo di scrittura e scansione stilistica, si contaminano trasmettendo al lettore “spazi di soggettivismo onirico, di gioco surreale", come scrive Giuseppe Conte nella presentazione della recente pubblicazione in versi di Edoardo: Sintassi italiana delle preziose edizioni Guanda, una delle poche editrici storiche che pubblichi poesia: www.guanda.it
Poiché Edoardo non possiede ancora una home page…a proposito, che aspetti a farla?...sul web c’è molto materiale ma, proprio per questo, invitabilmente, soffre di una dispersione che rischia d’essere dissuasiva per il lettore. Perciò vi fornisco ora una piccola guida essenziale, al resto pensateci voi.
Una scheda su Sintassi italiana, si trova su: http://www.internetbookshop.it
Per una biobliografia aggiornata, suggerisco www.grandieassociati.it dove troverete anche giudizi critici sulla sua opera nonché un elettrico elenco di “ascolti propiziatori” da lui consigliati…che roba è?...cliccare per saperlo.
Circa La comunione dei beni edito da Giunti: http://www.comune.bologna.it
e su Orti di guerra, stampato da Fazi: scheda editoriale su http://www.fazieditore.it e altre notizie cliccando: http://www.cematitalia.it.
Un suo libro che mi è particolarmente piaciuto è 19, pubblicato da Mondadori, storie di sguardi dalle rotaie d’un tram, una felicissima scrittura sulla quale dice cose molto giuste Enzo Golino in http://www.espressonline.it
Alla delicata creatività poetica accoppia un forte ingegno civile; insegna da anni letteratura italiana al carcere di Rebibbia a Roma e su questa attività potrete leggere due testimonianze su www.ristretti.it e su http://utenti.lycos.it/scuolacheracconta/carcere.html
Mi piacerebbe vedere tra i frequentatori dei suoi corsi anche allievi i cui nomi ricorrono quotidianamente sulle prime pagine e nei tg, ma temo che questa mia speranza andrà delusa.
Basta così. Ho faticato già abbastanza per i miei gusti.

 

Benvenuto a bordo, Edoardo…
Grazie per l’ospitalità. Mi sento a mio agio in questi non-luoghi. O posti estremi. Meglio che nella “vita reale”!
Voglio farti assaggiare questa bottiglia di Malvasia Secco Frizzante Doc Colli Piacentini di Torre Fornello…qua il bicchiere…ecco fatto.
Adesso ascoltami: il Capitano Picard è bravissimo, per lodarne la guida, a Roma direbbero “è un bel manico”, però noi nello spazio stiamo, schizziamo ”a manetta”, prudenza vuole che tu trasmetta sulla Terra, come sempre chiedo iniziando la conversazione con i miei ospiti, il tuo ritratto… interiore…insomma, chi è Edoardo secondo Edoardo…
Ieri in autostrada ascoltavo un nastro di vecchie canzoni degli Who. Ce n’è una che s’intitola, mi pare, The Seeker, ecco, io mi sento così, uno che cerca, un cercatore o saggiatore, la letteratura è il mio scandaglio. Un’ altra immagine che mi torna in mente (forse per assonanza...) è lo Stalker di Tarkovskij. Nel film, lui lanciava un bullone con un nastro attaccato, per aprirsi la strada e indicare la direzione da prendere. Anch’io procedo nella mia ricerca con movimenti un po’ casuali e misteriosi, cercando di affidarmi all’istinto e poi puntandoci sopra tutte le risorse intellettuali.
Ora ti tocca uno dei miei tirannici esercizi che talvolta impongo ai miei ospiti.
In quindici parole – tante quante sono le lettere del tuo nome – non una in più non una in meno,
definisci per i miei avventori la tua presenza nello scenario letterario…
Quello che scrive meglio giù in paese. Un outsider mezzo fallito. Un oggetto di lusso.
Nel tuo lavoro letterario, nello scrivere in versi o scrivere in prosa, cambiano solo le tecniche, oppure, con esse, o prima di esse, anche le finalità della scrittura?
Quali sono le finalità della scrittura? Mistero. Io conosco dei ritmi diversi, danze più o meno veloci. Alcune servono a stringere il corpo del tuo partner, altre a scatenarti da solo come se fossi fatto di aria e elettricità. I mondi cambiano a seconda del ritmo con cui li percorri, esistono gradi di definizione verbale capaci di fissare dettagli completamente diversi di una medesima esperienza. Con la poesia salto i passaggi intermedi, cucio le immagini liberamente usando un filo mentale tanto sottile che neanch’io lo vedo. Con la prosa le trame si fanno più fitte, la costruzione paziente, il lettore dovrà restarci impigliato giorni o mesi. La poesia è più seduttiva, desiderio che s’incenerisce, la prosa dà i suoi frutti grazie a un patto di durata. (Come in tutte le categorizzazioni, è naturalmente vero anche il contrario!)
Nanni Balestrini parecchi anni fa…Hans Magnus Enzensberger in epoca più recente con “Poesie-Automat”…computer programmati per scrivere versi. Come giudichi quelle esperienze?
L’automatismo è il livello più elevato dell’espressione. Difficile raggiungerlo e ancora più difficile permanere nella sua grazia. Chi scrive se la sogna la notte. Di qui i tentativi di arrivarci con un surrogato o una scorciatoia.
Che cos’è secondo te che distingue – o dovrebbe distinguere - il traguardo espressivo della letteratura dalle altre forme di comunicazione artistica, oggi?
Certo che fai domande difficili...
Edoardo, mi pagano per questo!
Se è così…rispondo dicendo:una forma di conoscenza sensuale. Che cioè passa necessariamente per un’incarnazione.
E’ nella letteratura oppure in altre aree che credi ci siano i lavori più interessanti nella ricerca di nuove modalità espressive?
Oggi mi interessa in particolare la fotografia. Non so, mi piace la sua grana, la sua freddezza e il suo ingannevole statuto di verità. Dalla musica mi aspetto sempre grandi cose anche se riconosco che la mia attesa è più che altro di ordine sentimentale. Ma non riesco ad avere interessi generali, piuttosto delle passioni che errano e mi conducono a collaborazioni pratiche, a voler ficcare le mani nella pasta creata e modellata dagli altri, dai veri maestri di questa o quella disciplina: appunto fotografi, pittori, musicisti -- figli unici con cui gemellarsi per un’opera.
Esempio, il teatro - normalmente mi dice poco, eppure ho trovato lì un anima speculare in Giorgio Barberio Corsetti e mi piace lavorare assieme a lui, imitare i suoi ritmi aerei così differenti dai miei.
Per fare una domanda difficile, e stavolta, intelligente, non mi resta che fartela fare da un altro. Copio e incollo: l’arte elettronica, la vedi come una smaterializzazione del corpo fisico delle arti così come le conoscevamo? Oppure una mutazione genetica?
L’arte mi attrae relativamente alla quantità di energia e invenzione formale che è in grado di produrre. Altrimenti sono più interessanti le sfilate di moda e i carceri di alta sicurezza. Nell’arte elettronica (ma cosa s’intende esattamente con questo termine?) vedo per ora un giocherellare con le tecniche, una fase di studio. L’euforia di superficie nasconde fin troppa cautela. E poi se è vero quel che ho detto prima sull’incarnazione, come la mettiamo con un arte del tutto smaterializzata?
Ma ti pare il modo? Qui le domande le faccio io.
Sia come sia, internet e letteratura…qual è per te la differenza espressiva tra testo scritto e ipertesto?
Domandato Rispondo.
In un testo contano anche i vuoti. La sua finitezza. L’opera è frutto di mutilazioni. Guai a colmare le parti mancanti con un supplemento informativo o con l’idea che “ce n’è ancora”, “ce n’è per tutti”. Per altro la mia mente parte da sola a lavorare su catene ipertestuali, creando aggrovigliati link tra oggetti, immagini e idee, e io debbo piuttosto tenerla a freno, questa tendenza connettiva, altrimenti divento io stesso una sciarada di citazioni! Be’, un libro l’ho scritto tutto così, Orti di guerra, il più strampalato e illegibile che ho pubblicato -- infatti piace solo a qualche maniaco…Nelle poesie di Sintassi italiana tento di mettere in circolo una quantità di stimoli percettivi ma non per rinviare ad altri luoghi e fonti, piuttosto per creare una vibrazione tematica che tenga il lettore avvinto al testo, e in grado di girare pagina dopo pagina senza scagliare il libro contro il muro. La forza centrifuga che si sprigiona dalla scrittura dev’essere bilanciata dalla unicità di un libro.
Il web trasformerà o ha già trasformato la lingua? In quale direzione?
Amo molto la fluidità e apparente immediatezza dei messaggi e-mail. Sono la mia lettura preferita. Si può forse lavorare su questa sintassi per renderla davvero elastica e vibrante. Qualche settimana fa ero in Pakistan e scrivevo più o meno allo stesso modo di quello usato quando mi trovavo in Italia. Segno che la lingua si affina nel mezzo.
A tutti gli ospiti di questa taverna spaziale, prima di lasciarci, infliggo una riflessione su Star Trek… che cosa rappresenta quel videomito nel nostro immaginario?
Di tutta la saga ho catturato solo l’idea di esilio, il fatto di portarsi il proprio mondo in spalla, come un guscio di lumaca.
Siamo quasi arrivati ad Albinatya, pianeta abitato da alieni che per viaggiare dispongono di un solo vettore chiamato 19…se devi scendere, ti conviene prenotare la fermata. Stoppiamo qui l’intervista…anche perché è finita la bottiglia di Malvasia di Torre Fornello…però torna a trovarmi, io qua sto…intesi eh?
Grazie, alla prossima tappa. Tra pochi giorni tornerò in prigione e lì bisogna lavorare parecchio di fantasia, viaggiare, viaggiare sulle parole. Sai come si dice, il bisogno di evadere...
Già! Ti saluto com’è d’obbligo sull’Enterprise: lunga vita e prosperità!

 

È possibile l'utilizzazione di queste conversazioni citando il sito dal quale sono tratte e menzionando il nome dell'intervenuto.

Vi preghiamo di non richiedere alla redazione recapiti telefonici, mail o postali dei nostri ospiti che non dispongano di un sito web; non possiamo trasmetterli in ottemperanza alla vigente legge sulla privacy.

 

Aggiungi il tuo commento sull'intervento di Edoardo Albinati

 

commenti presenti

Ho avuto Albinati come insegnante di italiano, ascoltava i jefferson airplaine quando ogni tanto ci dava un passaggio ed io grazie a lui ho amato la letteratura..non s˛ se l'ho mai ringraziato..grazie..

inviato mercoledý 31 maggio 2006 da lorenzo
 

con albinati ho parlato alla presentazione gratuita per studenti all'argentina del 23 maggio del suo nuovo libro'svenimenti'e incuriosito ho letto 19.gli chiesi quel giorno quale fosse il motivo di tanta attenzione ricercata su di se e sopratutto da cosa stesse scappando nel suo quotidiano frenetico bisogno di aiutatre il prossimo.leggendo 19 ho capito il perchŔ di tutto questo.edoardo Ŕ un ateo che avrebbe tanto bisogno di sentire l'amore di Dio nella sua vita come quei ragazzi(tra cui ero anche io)che nel 2000 riempivano il tram cantando con tamburi e chitarre la loro felicitÓ per il giubileo.caro albinati quando vedrÓ scritto fuori da una chiesa''catechesi per adulti''le consiglio di andare perchŔ lÓ troverÓ quello che cerca

inviato da pietro
 

 

In questo numero sono a bordo.... Archivio completo Enterprise Naviga per aree tematiche

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail

Letteratura

 

Paolo Albani
Edoardo Albinati
Gualberto Alvino
Lello Aragona
Simone Barillari
Ginevra Bompiani
Errico Buonanno
Nanni Cagnone
Andrea Camilleri
Andrea C.Cappi
Maria T.Carbone
Raffaele Carcano
Massimo Carlotto
Marco Cassini
Franco Cavallo
Ermanno Cavazzoni
Francesca Colosi
Raffaele Crovi
Guido Davico Bonino
Caterina Davinio
Giovanni De Luna
Paolo della Bella
Marcello D'Orta
Marco Dotti
Brunella Eruli
Maurizio Ferraris
Giulio Ferroni
Anna Foa
Giovanni Fontana
Andrea Franceschetti
Gabriele Frasca
Daria Galateria
Raoul Giordano
Fabio Giovannini
Alberto Gozzi
Daniela Guardamagna
Franco La Polla
Filippo La Porta
Vivian Lamarque
Sergio Lambiase
Anna Lavatelli
Mario Lunetta
Valerio Magrelli
Luigi Malerba
Giovanni Mariotti
Antonella S. Martini
Francesca Mazzucato
Italo Moscati
Francesco Muzzioli
Giuseppe Neri
Giulia Niccolai
Paolo Nori
Maria Pace Ottieri
Tommaso Ottonieri
Roberto Pasanisi
Mauro Pedretti
Sandra Petrignani
Gloria Piccioni
Felice Piemontese
Lamberto Pignotti
Renata Pisu
Michele Rak
Fabrizia Ramondino
Giampiero Rigosi
Jacqueline Risset
Giuseppe Aldo Rossi
Franca Rovigatti
Giampaolo Rugarli
Federico Sabatini
Vincenzo Sarcinelli
Marino Sinibaldi
Afro Somenzari
Elena Stancanelli
Domenico Starnone
Alda Teodorani
Gianni Toti
Pietro Trifone
Nicoletta Vallorani
Giuseppe Varaldo
Sergio Zuccaro

Archivio completo