Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi Garibaldi corruzione e tradimento (1)  
     
Newsletter
Newsletter No Vax, No Fax, No Sax, No Pax…  
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Danterandom
di Mauro Pedretti
 
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Fabio Cifariello Ciardi  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Un bar notturno dove gli avventori si conoscono tutti fra loro. Più per nome che per cognome.
Da un vecchissimo juke-box in fondo alla sala,
provengono le note della canzone che vi aggrada.
In Primo Piano, Adolgiso parla con i suoi amici di sempre, sfaccendati o peggio.

 

Gioacchino Belli e Madame Blanche

Scommettiamo un Campari che ho rifatto con altro tema una famosa poesia del Belli?... proprio così.
Lo sapete come la penso… vale più riscrivere che scrivere, alla creazione preferisco la ricreazione.
Quel grandissimo poeta che nulla ha da invidiare a Dante, mica lo dico solo io, nel 1832 scrisse una delle sue più famose composizioni: La Madre de le Sante… è la madonna?... gesù, ma che madonna dite!... Si tratta della più intima parte femminile che il Belli riuscì a chiamare in tanti e tanti modi da farne un sonetto… ne compose anche un altro, con la stessa tecnica, che riguardava il sesso maschile.
Gli schemi dei sonetti… chee?... non c’entra Nedo Sonetti l’allenatore di calcio, possibile che state sempre fermi al Corriere dello Sport!!... gli schemi dei sonetti, dicevo, forma poetica antichissima, possono essere composti in vari modi, ovviamente nella mia composizione ho seguito lo stesso del Belli, cioè ABAB ABAB CDC DCD.   
Mentre il Belli ha parlato di quel sito anatomico, io ho scritto su di una droga di cui spesso sento dire in giro che è assai diffusa… ne parlano sui giornali, alla tv… già… proprio la coca di cui pare fanno uso in tanti.
Ho raccolto le tante maniere in cui viene chiamata da Torino a Milano, a Firenze, a Roma, a Napoli… e messe in fila le parole n’è venuta fuori una composizione poetica ispirata, come dicevo, al Belli… come?... leggere il mio sonetto?... nooo! non se ne parla… visto che ora è?... m’offrite una birra alta?... se è così… certo, non posso rifiutare… ecco qua.

 

Chi cercasse la coca di mattina,
a farsi capì da gente tosta e dotta,
oppur di sera, al bar o alla latrina,
gli tocca dì: bianca, sniffata, botta.

 

Ma noi gran vecchi figli di puttana
la diciamo anche faloma, sostanza,
pratica, malandrina,  cerbottana,
signorabianca, svelta, baldanza.

 

Sciccosa, sbiancatrice, campanella,
striscia, agitata, polvere, ventosa,
brillante, friccicosa, consorella.

 

Riga, vivace, candida, nevosa,
l’andina, la bastarda, bambinella
l’amara, la nasale, quella-cosa.

 

E se ‘l sonetto a te piace caudato

Vado a beccà due grammi dal “Carriola”
spero soltanto non mi dia ‘na sòla.

 

Grazie, grazie… basta così… troppo buoni.
Ma che ora s’è fatta?... ‘azzo!… s’è fatto tardi… domattina ho una sveglia terribile, devo alzarmi per mezzogiorno.
‘Notte… buonanotte a tutti.

 

Tutti i testi di questa sezione sono registrati in SIAE alle sezioni Olaf o Dor.
Per riprodurli, due congiunte condizioni: citare l'autore e la sigla del sito.

 

Le altre serate

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Spacenews
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail
Nybramedia