Scarica l'e-book gratuitamante

Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
Scarica l'e-book gratuitamante
 


Scarica gratuitamente Adobe Acrobat Reader

 
     
Cosmotaxi
Cosmotaxi La lezione della videoarte  
     
Newsletter
Newsletter "Da Meno male che Silvio c’è a Meno Silvio che male c’è"  
  [archivio spacenews]  
     
Alien Bar
Alien bar Danterandom
di Mauro Pedretti
 
  [le altre serate]  
     
Nadir
Come al bar Fabio Cifariello Ciardi  
  [archivio intervenuti]  
     
Ricerca
Come al bar Cerca i contenuti nel sito  
 

» ricerca globale adolgiso.it


 
 

» ricerca nella sezione cosmotaxi

 

 
  powered by google  
 
 
 

Un bar notturno dove gli avventori si conoscono tutti fra loro. Più per nome che per cognome.
Da un vecchissimo juke-box in fondo alla sala,
provengono le note della canzone che vi aggrada.
In Primo Piano, Adolgiso parla con i suoi amici di sempre, sfaccendati o peggio.

 

una gentile cocotte

Scommettiamo un Campari che ho scritto una poesia senza neppure una parola mia?... toh, pure la rima... non ci credete? Fate male, chi di voi così la pensa è un gran maiale. È roba che scrissi tempo fa. Fu perfino pubblicata. Nel maggio 1975. Mi giovò una segnalazione di Gianni Sassi ad una rivistina underground: “Macchine Soffici” diretta da  Fausto Lolli.
Perché scrivere cose nuove quando ne sono state scritte, e di bellissime?
Più utile riscrivere. E più dilettevole. Anche per le scoperte emozionanti che possono farsi.
Misi allora insieme Dante e Gozzano, montando fra loro due famose composizioni.
La prima (“Tanto gentile e tanto onesta pare”), del 1292; la seconda (“Cocotte”) del 1911.
In comune hanno il sogno di una donna incontrata e amata, ricordata in endecasillabi.
Messe le due poesie una dentro l’altra s’ottiene una sorta di narrazione poetica che procede con la tecnica del flash back… in fondo, sono pure state scritte a 619 anni di distanza l’una dall’altra, vi pare?
E, inoltre, non ultima cosa per importanza, si guadagna tempo. Con una sola lettura si spazzolano due grandi testi senza fare ricerche, cambiare libro, sfogliare pagine; la nostra epoca impone velocità, o no?  La nostra non sarà una Vita Nova, per ricordare il titolo di Dante ma forse è una Vida Loca, per ricordare un titolo di Ricky Martin.
Chee?... recitarvela?... no, non se ne parla nemmeno… e a quest’ora poi!... m’offrite una birra alta?... beh, se è così… però, ‘na cosa rapida eh?... non chiedetemi bis.

 

Tanto gentile e tanto onesta pare
la donna mia quand’ella altrui saluta,
ch’ogne lingua deven tremando muta,
e li occhi no l’ardiscon di guardare.

 

Ho rivisto il giardino, il giardinetto
contiguo, le palme del viale,
la cancellata rozza dalla quale
mi protese la mano ed il confetto...
Sempre ch'io viva rivedrò l'incanto
di quel suo volto tra le sbarre quadre!
La nuca mi serrò con mani ladre;
ed io stupivo di vedermi accanto
al viso, quella bocca tanto, tanto
diversa dalla bocca di mia Madre!

 

Ella si va, sentendosi laudare,
benignamente d’umiltà vestuta;
e par che sia una cosa venuta
da cielo in terra a miracol mostrare.

 

"Una cocotte!..."
"Che vuol dire, mammina?"
"Vuol dire una cattiva signorina:
non bisogna parlare alla vicina!"

Mostrasi sì piacente a chi la mira,
che dà per li occhi una dolcezza al core,
che ‘ntender no la può chi no la prova;

Una cocotte…
"Piccolino, ti piaccio che mi guardi?
Sei qui pei bagni? Ed affittate là?"
"Si... vedi la mia Mamma e il mio Papà?"
Subito mi lasciò, con negli sguardi
un vano sogno (ricordai più tardi)
un vano sogno di maternità...
 
E par che de la sua labbia si mova

un spirito soave pien d’amore, 

che va dicendo a l’anima: <Sospira!>.

 

Oimè! Da che non giova il tuo belletto

e il cosmetico già fa mala prova
l'ultimo amante disertò l'alcova...
Uno, sol uno: il piccolo folletto

che donasti d'un bacio e d'un confetto,

dopo vent'anni, oggi, ti ritrova

in sogno, e t'ama, in sogno, e dice: T'amo!

 


… Grazie… grazie… troppo buoni!
Ma che ora s’è fatta?... ‘azzo!… s’è fatto tardi… domattina ho una sveglia terribile, devo alzarmi per mezzogiorno.
‘Notte… buonanotte a tutti.

 

Tutti i testi di questa sezione sono registrati in SIAE alle sezioni Olaf o Dor.
Per riprodurli, due congiunte condizioni: citare l'autore e la sigla del sito.

 

Le altre serate

 

Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Alien Bar | Enterprise | Nadir | Spacenews
Autoscatto
Volumetria
Alien Bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail
Nybramedia