Cosmotaxi
ricerca
» ricerca nella sezione cosmotaxi
» ricerca globale adolgiso.it

  

 

Questa sezione ospita soltanto notizie d'avvenimenti e produzioni che piacciono a me.
Troppo lunga, impegnativa, certamente lacunosa e discutibile sarebbe la dichiarazione dei principii che presiedono alle scelte redazionali, sono uno scansafatiche e vi rinuncio.
Di sicuro non troveranno posto qui i poeti lineari, i pittori figurativi, il teatro di parola. Preferisco, però, che siano le notizie e le riflessioni pubblicate a disegnare da sole il profilo di quanto si propone questo spazio. Che soprattutto tiene a dire: anche gli alieni prendono il taxi.

Chiuso per ferie

Cosmotaxi oggi va in vacanza.
Riprenderà le pubblicazioni lunedì 5 settembre.


Nessun segreto

Siamo a luglio. Quest'anno avrà 5 venerdì, 5 sabati e 5 domeniche.
Succede una volta ogni 823 anni.
Insomma non ci s’imbatte facilmente in un mese così mentre a quasi tutti ogni giorno d’ogni mese di questi ultimi anni, è capitato d’imbattersi nella parola “Wikileaks” e nell’enorme eco sprigionata dalle rivelazioni di quel sito; giusto per i più distratti, se si clicca qui si potrà avere la storia, e anche un profilo tecnico, di quello che si può affermare senza timore di smentite sia divenuto il più famoso website del mondo.
Oltre al mare di articoli che sono stati scritti su Wikileaks e il suo conduttore, l’australiano Julian Assange, molti i libri pubblicati sull’argomento. Anche in Italia, dove non è mancato pure un comico volumetto – accluso a “Il Giornale” – di Daniele Capezzone in difesa del suo nuovo capo Berlusconi (un tempo non lontano lo era stato Pannella).
Fra i titoli, credo che imperdibile sia quello pubblicato da Mimesis intitolato Nessun segreto Guida minima a WikiLeaks, l’organizzazione che ha cambiato per sempre il rapporto tra internet, informazione e potere.
Lo ha firmato Fabio Chiusi. MSc alla London School of Economics in Storia e Filosofia della Scienza, è un giornalista e blogger. Redattore per Lettera43.it, scrive di politica, social networking e critica della disinformazione sul blog ilNichilista.
Collabora con l’Espresso, Libertiamo, Agoravox Italia e il Termometro Politico.
Per Mimesis, nel luglio 2010, ha pubblicato Ti odio su Facebook.
Per sapere come la pensa sul giornalismo e, in particolare su quello in Rete, v’invito a vedere questa videointervista rilasciata al quotidiano La Stampa.

Perché prima ho definito imperdibile il suo libro è presto detto.
Chiusi non si limita a tracciare la storia di Wikileaks e la complessa personalità di Assange, ma studia fatti e persone in una prospettiva storica: storia dei nostri anni e influenza del ruolo del web nel nostro tempo.
Non a caso il volume si avvale d’interviste, assai ben condotte dall’autore, con due nomi maiuscoli della technoinformation: Micah L. Sifry e Gabriella Coleman.
Il primo è co-fondatore e direttore del Personal Democracy Forum, sito che studia il modo in cui la tecnologia cambia la politica. La seconda, è un’esperta di antropologia e cultura hacker, docente del dipartimento di Media, Cultura e Comunicazione della New York University.

A Fabio Chiusi ho rivolto alcune domande.
Come cambiano i modi di percepire la realtà nell’era telematica?

Penso che l'utilizzo sempre più massiccio dei social media, ma anche delle tante application per tablet che ne trasformano il racconto in un'esperienza più simile a una rivista personalizzata e aggiornata in tempo reale, ci abbia messo di fronte a un'istantaneità senza precedenti. Il che è un'opportunità ma anche un rischio. Un'opportunità perché ci sottopone a una quantità di stimoli enorme, il che significa più spunti di riflessione. Un rischio, perché abbiamo sempre meno tempo per elaborarli.

Vorrei una tua sintetica definizione dell’“etica hacker”?

Non sono un esperto della materia, ma credo che significhi innanzitutto un rispetto assoluto della libertà di espressione e, in secondo luogo, l'adoperarsi in modo creativo per salvaguardarla. Poi ci sono molte sfumature, derivanti dalle tante visioni sociopolitiche compresenti nelle diverse comunità hacker. L'importante è avere ben chiaro che essere un hacker non significa essere un «pirata informatico». Molti hacker, per esempio, si ingegnano per escogitare o mettere alla prova metodi per meglio tutelare la privacy individuale, e non per sottrarre dati sensibili e utilizzarli a scopi illeciti.

A tuo avviso, Wikileaks avrà un futuro? Anche agito da altri soggetti e con altra sigla o resterà un’esperienza unica nella storia del web?

Sono convinto che il metodo rappresentato da WikiLeaks, cioè l'utilizzo della tecnologia per diffondere materiale coperto da segreto proteggendo l'anonimato e la sicurezza delle fonti che lo trasmettono, sopravviverà e anzi entrerà col tempo a pieno titolo tra gli strumenti a disposizioni delle redazioni di tutto il mondo. Del resto, sta già succedendo: gli esperimenti del Wall Street Journal (SafeHouse, peraltro criticatissimo) e di Al Jazeera (Transparency Unit) lo dimostrano.
Difficile dire invece se WikiLeaks sopravviverà. Molto dipende dalle vicende giudiziarie che riguardano il suo fondatore, Julian Assange. Se dovessero portare a un'incriminazione per spionaggio potrebbe passare diverso tempo prima che il sito ritorni a una piena operatività. Perché, a sentire le testimonianze di chi ci ha lavorato, è fortemente dipendente dalle decisioni e dalle abilità di Assange
.

Julian Assange lo ritieni un riformatore o un rivoluzionario?

È una domanda che mi ha ossessionato durante tutta la stesura del libro. Assange vuole semplicemente riformare le istituzioni rendendole più responsabili, trasparenti e aperte allo scrutinio pubblico oppure intende più radicalmente delegittimarle e, in ultima analisi, distruggerle? Le sue dichiarazioni più recenti vanno nella prima direzione, quella riformatrice. I suoi scritti del 2006, anno della fondazione di WikiLeaks, e la sua storia intellettuale, invece, nella seconda, quella rivoluzionaria. Nel libro elenco le ragioni e gli argomenti a sostegno di entrambe le ipotesi e, se posso essere sincero, penso che il dubbio resti. Perché la filosofia politica di Assange è frammentaria e, a volte, contraddittoria. Credo che solo se lui stesso esponesse in modo sistematico il suo pensiero potremmo avere una risposta definitiva.

Per una scheda sul libro: CLIC!

Fabio Chiusi
Nessun segreto
Postfazione di Guido Scorza
Pagine 192, Euro 16.00
Mimesis


Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Come al bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail
 

Archivio

Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004

archivio completo

Cosmotaxi in RSS

Created with BlogWorks XML 1.2.0 Beta 3