Cosmotaxi
ricerca
» ricerca nella sezione cosmotaxi
» ricerca globale adolgiso.it

  

 

Questa sezione ospita soltanto notizie d'avvenimenti e produzioni che piacciono a me.
Troppo lunga, impegnativa, certamente lacunosa e discutibile sarebbe la dichiarazione dei principii che presiedono alle scelte redazionali, sono uno scansafatiche e vi rinuncio.
Di sicuro non troveranno posto qui i poeti lineari, i pittori figurativi, il teatro di parola. Preferisco, però, che siano le notizie e le riflessioni pubblicate a disegnare da sole il profilo di quanto si propone questo spazio. Che soprattutto tiene a dire: anche gli alieni prendono il taxi.

Un amore partigiano (1)

Con le note che seguono Cosmotaxi sospende le pubblicazioni e va in ferie.
Arrivederci a dopo l’estate


Come i Codici Civili e Penali prevedono pene per i colpevoli, mi piacerebbe esistesse un Codice che punisse i reati commessi in Letteratura.
Fra i più gravi, dovrebbe figurare quello di scrivere ricostruzioni d’episodi storici romanzandoli; in quel caso andrebbero inflitte severe pene.
Dialoghi inventati, personaggi addirittura mai esistiti che fanno capolino in quelle storie, episodi tinteggiati in pomidorocolor, e altre fandonie nere come l’inchiostro.
Di recente, ne ha fatto cospicue spese Emilio Salgari ricorrendo il centenario del suo suicidio. Leggesse certe pagine che sono state scritte su di lui, sono certo che, con lo stesso rasoio in mano, non farebbe un nuovo harakiri, ma si recherebbe presso certi autori che hanno scritto della sua vita.
Sono un lettore che ama biografie e ricostruzioni, ma quelle vere. Uno dei testi più difficili da scrivere, perché lì ogni virgola fuori posto è castigata. In quei volumi, infatti, il lettore vuole (e ne ha diritto) apprendere sui fatti illustrati esattezze di date, citazioni di documenti, particolari riferiti da testimoni (e conoscerne attraverso l’autore la loro attendibilità), eccetera.
Ecco perché scrivere quella roba lì è faticoso: mica starsene occhi al cielo e penna in mano, a inventare panzane.
La biografia romanzata è un ibrido da perdonare, forse, giusto a Senofonte per la sua ‘Ciropedia’, e pure in quel caso ho i miei dubbi.

Abbiamo in Italia un’autrice che da anni si misura nell’investigazione storica, su fatti scomodi e scomodissimi, con esattezza di ambiente e di particolari, nonché per l’originalità e la forza che riesce a imprimere all’interpretazione di quanto va illustrando.
Il suo nome, noto a molti, è Mirella Serri e dimostra il suo valore anche nella sua più recente impresa: Un amore partigiano Storia di Gianna e Neri, eroi scomodi della Resistenza che ha esaurito la prima edizione in meno di un mese; editore Longanesi.

La Serri Insegna Giornalismo e Letteratura all’Università La Sapienza di Roma.
Collabora alla Stampa, a Ttl e a Sette-Corriere della Sera.
Tra i suoi libri: Carlo Dossi e il racconto (Bulzoni); Storie di spie (Edisud, 1992); Il breve viaggio (Marsilio); I redenti (Corbaccio, 2005); I profeti disarmati. La guerra tra le due sinistre (Corbaccio, 2008); Sorvegliati speciali. Gli intellettuali spiati dai gendarmi.
Ha partecipato ai volumi collettivi Donne del Risorgimento - Donne nella Grande Guerra (il Mulino); Amorosi assassini edito da Laterza.
È stata anche protagonista di un viaggio spaziale (se non ci credete cliccate QUI) durante il quale ho conversato con lei sui suoi libri e anche di altro.

Un amore partigiano racconta in modo secco, incalzante, roba da farsi leggere d’un fiato perché il lettore si trova ad ogni pagina di fronte a cose incredibili (ma tutte vere e ben documentate; riportati perfino numeri di telefono) un dramma storico che si svolge tra il 1944 e ’45.
Due partigiani – “Gianna” (Giuseppina Tuissi) e “Neri” (Luigi Canali) – s’incontrano e si amano nel clima arroventato di quegli anni. Arrestati e torturati dai nazifascisti, non avranno destino migliore tra le mani dei partigiani.
Eppure sono stati testimoni delle ultime ore di Mussolini e della Petacci.
Su di loro cadrà un pesante silenzio, un oscuramento della loro storia e della loro fine.
Il libro, imperdibile, spiega i tanti perché e ripercorre le tante ambiguità e i sanguinosi episodi tra le stesse file dei resistenti, che, purtroppo, in plurali casi, hanno macchiato il profilo della Resistenza.
Ci sono state voci che si sono levate nel dopoguerra (anche sul caso di Gianna e Neri), ad esempio Pannunzio, suggerendo di fare luce sugli episodi oscuri, sia per civiltà sociale e sia per non dare spazio (come poi è accaduto) alla propaganda neofascista – calunniosa perché oltre la verità –, ma sono state voci zittite dallo stalinismo imperante fatto rispettare da Togliatti. Quel Togliatti che coprì parecchi misfatti commessi fin dopo il ’45 da alcuni partigiani e che da ministro di Grazia e Giustizia emanò il 22 giugno 1946 l’amnistia che aprì le porte del carcere a molti repubblichini.
Ancora un merito del libro è smontare il mito che vuole, come in un fotoromanzo, la Petacci amante buona e fedele che segue il suo uomo fino alla fine.
Niente di tutto questo. Il clan Petacci fu voracissimo – ricorda la Serri – e Claretta, filo hitleriana e strenuamente antisemita, fu donna calcolatrice che sbagliò l’ultimo dei suoi calcoli, lei, come le ricordava Mussolini, “la più odiata degli italiani”.

Segue ora un incontro con l’autrice.


Un amore partigiano (2)

A Mirella Serri, in foto, ho rivolto alcune domande.
Come sei venuta a conoscenza di questa storia?

Un libro tira l’altro, come le ciliegie. Stavo lavorando al mio “I profeti disarmati”

… scusa l’interruzione, voglio segnalare una tua intervista su quel libro che rilasciasti proprio a Cosmotaxi…

… ricordo, grazie… ti dicevo che mentre lavoravo a quel libro e mi occupavo degli scontri avvenuti nell’immediato dopoguerra all’interno della sinistra antifascista - tra quella più moderata rappresentata dal quotidiano “Risorgimento liberale”, diretto da Mario Pannunzio, e quella più estrema e radicale dal Partito comunista italiano - ho incontrato una notizia che mi ha molto incuriosito. La bellissima testata di Pannunzio riferisce dell’assassinio del giornalista della Rsi, Franco De Agazio, che viene ucciso nel 1947 mentre si accingeva a pubblicare sul “Meridiano d’Italia” i memoriali di Gianna (il cui vero nome era Giuseppina Tuissi) e Neri (Luigi Canali) e un’inchiesta sulla scomparsa del cosiddetto oro di Dongo. Il giornale di Pannunzio sollecita l’autorità giudiziaria a stabilire i collegamenti tra la catena di delitti (una decina), che aveva coinvolto anche parenti, amici, conoscenti di Neri e Gianna, e i partigiani che per varie vie avevano avuto a che fare con i misteri del tesoro di Dongo. Si scatenerà una durissima polemica poiché l’“Unità” farà sapere che vedeva in questa richiesta di ulteriori indagini: “un tentativo reazionario e fascista di fare un processo alle forze della Resistenza”. Così ho cercato di saperne di più su quella misteriosa fanciulla che aveva accompagnato Mussolini e Claretta al casale dove avrebbero trascorso la notte prima dell’esecuzione. Mi sono resa conto che non appariva in nessun libro di storia, racconto o film dedicato alle ultime ore del Duce e della sua amante. Eppure Gianna e Neri erano stati torturati dai nazifascisti e poi avevano avuto lo stesso trattamento e infine uccisi dai compagni di lotta.

Perché su Gianna e Neri è calato un sipario che tenta di cancellarne la memoria?

Perché il gruppo che con un eufemismo chiamo dei “partigiani non galantuomini” che circondava Gianna e Neri decise che erano eroi scomodi.
Gianna e Neri, infatti, volevano far luce su tante verità nascoste, erano critici su alcuni comportamenti dei capi stalinisti e si opponevano a furti e ruberie
.

Nel tuo libro, viene fuori un ritratto inedito della Petacci…

Il cadavere della Petacci a testa in giù a piazzale Loreto è stato per decenni l’incarnazione dello scempio di un corpo di donna che, innamorata e disinteressata, volle seguire il Duce fino alla fine, sacrificando la sua stessa vita. E’ questa l’immagine della Petacci che, dal dopoguerra in poi, domina la pubblica opinione. La Petacci, dalla stampa coeva, venne invece dipinta come la corrotta animatrice del clan banditesco dei Petacci.
Clara era la “più odiata dagli italiani”: glielo ricordava lo stesso Mussolini. E nei suoi diari svela il suo volto di convinta filo-hitleriana e di feroce antisemita. Fu lei il vero “uomo nuovo”, razzista e credente nella mistica fascista che scappava con 8 milioni di lire, gioielli, pellicce, confortata dalla promessa del duce che finalmente nell’esilio dorato che li aspettava avrebbe preso il posto di donna Rachele
.

La Resistenza, con tutti i suoi valori, non è stata vista da molti storici con i suoi tanti angoli bui, condividi?

Sì, a raccontare la vera storia della Resistenza ci hanno pensato di più alcuni narratori come Italo Calvino e Beppe Fenoglio...

Oltre al tuo appassionato studio, ci sono altri che si sono interessati a Gianna e Neri?

Anche alcuni politici, come l’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e Walter Veltroni quando era segretario dei Ds, si dimostrarono molto comprensivi di fronte alle richieste dei famigliari di Gianna e Neri riconoscendo che c’erano molti lati oscuri. E poi ci sono storici come Franco Giannantoni e i famigliari che hanno messo insieme pazientemente tanti tasselli di questa complicata storia.

Mirella Serri
Un amore partigiano
Pagine 224, Euro 16.40
Longanesi


Ritorna SopraAutoscatto | Volumetria | Come al bar | Enterprise | Nadir | Newsletter
Autoscatto
Volumetria
Come al bar
Enterprise
Nadir
Cosmotaxi
Newsletter
E-mail
 

Archivio

Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004
Novembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Agosto 2004
Luglio 2004
Giugno 2004

archivio completo

Cosmotaxi in RSS

Created with BlogWorks XML 1.2.0 Beta 3